contatore accessi free

Il Festival Cinematica vince il bando nazionale ''La Buona Grafica 2019''

3' di lettura Ancona 22/04/2020 - In questo tempo così difficile per tutti ma in particolare per coloro che si occupano di arte e cultura, una buona notizia arriva a rischiarare lo staff del Festival Cinematica di Ancona, uno dei primi festival italiani ad essere interrotto dall'emergenza Coronavirus.

Il Premio “La Buona Grafica 2019”, il riconoscimento a chi ha un’idea comunicativa dietro al proprio festival, è stato assegnato proprio a Cinematica, festival multidisciplinare che si svolge dal 2013 nel capoluogo delle Marche. Il Premio giunto alla sua seconda edizione è promosso da Trovafestival, portale online che raccoglie tutti i festival culturali italiani, e dal MEC, Master di Eventi Culturali dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

Il Premio è pensato per essere un momento di confronto tra i Festival e i futuri lavori del mondo della cultura, che hanno l’occasione per confrontarsi con professionisti di affermate realtà nazionali. Dopo due fasi di selezione tra i 25 progetti scelti, i tre finalisti di questa edizione 2019, Arezzo Crowd Festival, Cinematica Festival e Danae Festival, hanno presentato i propri progetti grafici e comunicativi agli studenti del MEC, che alla fine delle presentazioni si sono riuniti per decretare ufficialmente il vincitore. Primo Premio a Cinematica, di cui è stato apprezzato, oltre al progetto grafico e di comunicazione visiva, il non essersi arresi all’attuale situazione emergenziale proponendo con celerità alternative online.

Cinematica, ideato e diretto dalla danzatrice e attrice Simona Lisi, è il primo festival internazionale che si occupa specificatamente della relazione immagine-movimento e del rapporto corporeità e nuovi media nelle arti visive, filmiche e performative. Si svolge da sette anni nella città di Ancona scegliendo come centro nevralgico la cittadella sul mare della Mole Vanvitelliana, da alcuni anni motore di sviluppo culturale della capoluogo e della Regione Marche. Il festival, insieme alla programmazione che prevede proiezioni video e cinematografiche, spettacoli, esposizioni, installazioni e laboratori, vuole convogliare nuove tendenze della sperimentazione audiovisiva e performativa, con una forte attenzione alla radice corporea e percettiva.

Tutta l’mmagine grafica del Festival è curata sin dal primo anno dallo Studio grafico Lirici Greci design consultancy di Ancona, diretto da Francesca Di Giorgio. Il progetto grafico sviluppato negli anni, ha avuto sempre l’intento di rispecchiare l’idea dell’immagine-movimento lavorando in sinergia con l’ideazione artistica. Per quanto riguarda il visual dell’edizione 2019, l'obiettivo era quello di rispondere al tema dell’anno: corpo, città , paesaggio.

L’incipit è stato quello di far coincidere il corpo della città con il corpo fisico, quasi che le vie della città rappresentassero le vene di un corpo immaginario, e quindi la mappa fosse una mappa più fisica e corporea. Così Cinematica ha cercato in questi sei anni, quasi sette, di contribuire, dalle Marche e con le Marche, regione al plurale, di connettersi, mettersi in movimento per rafforzare e promuovere anche all’estero la propria programmazione culturale.

Una grande soddisfazione per tutto lo staff e per un Festival, ancora giovane, in un territorio come quello marchigiano fortemente colpito dall’emergenza sanitaria e già reduce dal terremoto del 2016. La cultura continua il suo lavoro di promozione della bellezza nonostante tutto.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-04-2020 alle 18:14 sul giornale del 23 aprile 2020 - 200 letture

In questo articolo si parla di attualità, cinematica, cinematica festiva, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bj9e





logoEV
logoEV
logoEV