Scuola: criticità e proposte dal confronto tra scuole ed enti locali per l’avvio dell'anno scolastico

scuola generic 2' di lettura Ancona 07/07/2020 - Impartite alle scuole le indicazioni operative per l’inserimento e l’aggiornamento dei dati necessari alla ricognizione delle situazioni di criticità per il rientro a scuola il prossimo 14 settembre a seguito di quanto condiviso nel corso dei lavori del tavolo regionale del 1° luglio con Regione, enti locali, organizzazioni sindacali e rappresentanti di genitori e studenti e nelle videoconferenze di venerdì 3 luglio con i dirigenti scolastici e i coordinatori didattici di statali e paritarie.

L’Ufficio scolastico regionale ha infatti messo a punto un form online che prevede spazi in cui le scuole statali dovranno inserire tutte le informazioni utili emerse a seguito delle conferenze di servizio in corso con gli enti locali competenti per la verifica della corrispondenza delle aule messe a disposizione da questi ultimi alle norme sulla prevenzione della diffusione del COVID-19 emanate dal Ministero dell’Istruzione.

Nella piattaforma dovranno essere in particolare riportate, entro il 9 luglio, la disponibilità delle aule in misura congrua al numero delle classi stabilito dall’USR, e le soluzioni adottate nell’eventualità di mancanza di aule idonee. Le iniziative proposte per sopperire all’eventuale mancanza di aule dovranno essere inserite in un apposito spazio della piattaforma e dovranno essere definite prioritariamente con riferimento alle risorse disponibili.

A cura delle singole scuole è anche l’inserimento della suddivisione degli alunni nelle classi prime di ogni ordine e grado già autorizzate per singolo plesso per l’anno scolastico 2020/21, con la ripartizione esatta di alunni per classe. I dati relativi agli anni intermedi e finali vengono invece estrapolati da quelli dell’anno scolastico 2019/20 presupponendo il loro semplice scorrimento all’anno successivo, salvo eventuali aggiornamenti da parte delle istituzioni scolastiche. Il decreto con gli elenchi delle classi autorizzate per il prossimo anno e le tabelle degli studenti per classe dell’anno 2019/20 sono peraltro state preventivamente fornite agli enti locali dall’Ufficio scolastico regionale come base del confronto in atto con le scuole di propria competenza nelle conferenze di servizio tuttora in corso.

Diversa la procedura per le scuole paritarie, che dovranno verificare che i locali già individuati in autonomia per le attività scolastiche del prossimo anno scolastico siano rispettosi dei criteri individuati dal Ministero, adottando eventualmente, in caso contrario, gli opportuni provvedimenti per il pieno rispetto della normativa. L’insieme di tutte le informazioni raccolte offrirà un quadro dettagliato della situazione regionale, prezioso per programmare e varare tutti i provvedimenti utili a garantire tutte le condizioni di sicurezza per il regolare avvio del prossimo anno scolastico, compreso un piano dei trasporti che risponda alle esigenze relative a eventuali scaglionamenti che si rendessero necessari per gli ingressi e le uscite di studenti e professori.


Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-07-2020 alle 19:08 sul giornale del 08 luglio 2020 - 156 letture

In questo articolo si parla di attualità, università, ricerca, istruzione, ministero dell'istruzione, ministero istruzione, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bp38