Nuovo supermercato alla Montagnola, Rubini (AIC): ''L’amministrazione interrompa questa degenerazione''

Francesco Rubini 1' di lettura Ancona 06/08/2020 - Il Comune ha rilasciato il permesso di costruire alla multinazionale dell’alimentare che è ad un passo dall’acquistare l’area dove ora sorge abbandonato lo stabile dell’ex IPC alla Montagnola.

Entro l’estate prossima proprio lì sorgerà un altro supermercato, il quarto nel giro di 500 metri (COOP, Tuo Dì, Tigotà + il nuovo), il decimo nell’arco di pochi chilometri (non dimentichiamo il mega Eurospin in fase di ultimazione a Vallemiano), senza considerare il disastro della Baraccola.

A questo punto verrebbe da chiedersi: È davvero questa la città rigenerata e sostenibile che vogliamo per il futuro? È così che si vuole provare a costruire una città a misura d’uomo? Che ne sarà del piccolo commercio, delle attività di prossimità, delle botteghe, dei mercati rionali?

A me pare che si stia veramente perdendo il senno inghiottiti in una logica mercantilista e consumistica che ci sta succhiando via anche l’anima. Sarebbe ora scossa che l’amministrazione comunale provasse almeno ad interrompere questa deriva mettendo in campo tutti gli strumenti politici e amministrativi possibili.


da Francesco Rubini
 
capogruppo Altra Idea di Città





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-08-2020 alle 16:30 sul giornale del 07 agosto 2020 - 1160 letture

In questo articolo si parla di politica, Francesco Rubini, altra idea di città, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bsHq