Civitanova: Coronavirus, l'odissea di una famiglia civitanovese, Carassai: "Vergognoso, servono risposte certe"

3' di lettura Ancona 27/10/2020 - Prevenzione, tracciamento dell’epidemia derivante dal Covid-19 o pressapochismo e superficialità? Questo l’interrogativo che ho personalmente raccolto da numerose famiglie alla luce di situazioni alquanto imbarazzanti che destano molta preoccupazione.

Per non rimanere nel vago, ritengo necessario esplicitare le recenti vicissitudini di una famiglia civitanovese, ma presumo che molti altri casi che non sono venuti a galla si siano verificati nella nostra città. Mi riferisco ad una classica famiglia di quattro persone, con bambini piccoli che frequentano la scuola dell’infanzia. Al ritorno a casa dalla scuola, la bambina evidenziava mal di gola e alcune linee di febbre. I genitori hanno quindi avvertito il medico curante che ha provveduto a segnalare la situazione al servizio competente.

Il giorno successivo, anche il fratello e la mamma accusavano alcuni sintomi, pertanto i genitori provvedevano nuovamente a contattare il servizio preposto per segnalare tale situazione, chiedendo un tampone possibilmente urgente. Nel frattempo, tutti i componenti del nucleo familiare si sono messi immediatamente in isolamento preventivo, allertando il dirigente scolastico. La risposta ottenuta da parte dell’ufficio sanitario preposto, è stata che prima di 10 giorni, vista la mole di lavoro a cui il personale era sottoposto, non sarebbe stato possibile procedere in tal senso.

Trascorsi oltre 10 giorni, senza aver ottenuto comunicazione in merito dal settore pubblico, con grave difficoltà e a pagamento da azienda privata, i genitori sono riusciti ad ottenere un tampone nel luogo di residenza e, dopo tre giorni, è arrivata la notizia che la bambina è risultata positiva, mentre gli altri conviventi sono negativi; referto che è stato comunicato immediatamente a tutto al servizio competente e ai referenti della scuola. Ad oggi tutto tace e l’odissea e l’incertezza sul da farsi continua.

A questo punto, credo sia opportuno chiedersi che cosa significhi parlare di prevenzione, come mai in otto mesi non siano stati organizzati i servizi di controllo, nonostante tutti prospettavano la ripresa del contagio nel periodo autunnale ed invernale. Di fronte a tale situazione di non prevenzione, credo che coloro che avevano la responsabilità di attivare i servizi necessari per non far diffondere i contagi e non l’hanno fatto si dovrebbero vergognare, visto che è palese che il servizio non è ancora a disposizione di tutta la cittadinanza.

È comprensibile il disagio degli operatori e di chi organizza i protocolli, ma credo che una risposta certa ed un controllo per evitare il diffondersi dell’epidemia siano indispensabili.

Ermanno Carassi

Assessore ai lavori pubblici

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Civitanova.
Per Whatsapp aggiungere il numero 348.7699158 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.

Per Telegram cercare il canale @viverecivitanova o cliccare su t.me/viverecivitanova.

Sono attivi anche i nostri canali social: Facebook: facebook.com/viverecivitanova/ e Twitter: twitter.com/viv_civitanova.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-10-2020 alle 11:08 sul giornale del 28 ottobre 2020 - 314 letture

In questo articolo si parla di attualità, civitanova marche, comune di civitanova marche, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bzSU





logoEV
logoEV