Pesaro: Confcommercio porta in piazza tutte le categorie: "fateci lavorare"

Confcommercio piazza pesaro 2' di lettura Ancona 28/10/2020 -

Piazza del Popolo di nuovo piena questa mattina in occasione della manifestazione organizzata dalla Confcommercio di Pesaro e Urbino che ha visto la partecipazione non solo dei ristoratori e del comparto Ho.re.ca (hotel, ristoranti, bar..) ma anche di altre categorie particolarmente penalizzate dall’ultimo Dpcm.

In piazza infatti anche associazioni sportive, gestori di palestre e operatori del turismo.

«Abbiamo rispettato le regole e ci siamo adeguati, vogliamo solo continuare a lavorare». Ecco in coro la volontà di tutti contro le ultime decisioni del Governo.

Rappresentanti della Confcommercio, esercenti e ristoratori tutti uniti in una protesta pacifica e nel rispetto delle regole, prendendo le distanze anche da quanto si è verificato lunedì sera dopo l’altra manifestazione sempre in piazza, anche quella pacifica ma poi terminata con la polizia nei locali del ristoratore.

Poi il flash mob con i cartelli in aria su cui la scritta “tasse” dominava in rosso. E’ stato osservato un minuto di silenzio a simboleggiare la chiusura e quindi la morte dell’attività poi alla fine tutti i partecipanti all’unisono hanno strappato il cartello.

Si sono quindi susseguiti gli interventi dei rappresentanti di categoria come Davide Ippaso, marco Arzeni, Mario di Remigio, Marco Paolini e alcuni tra gli imprenditori presenti.

«Il decreto ristoro? Bene ma sono briciole perché da marzo fino ad oggi abbiamo perso cifre molto considerevoli – spiega Mario Di Remigio presidente dell’associazione ristoratori di Confcommercio – e ora che nel nostro territorio è anche periodo di tartufo la chiusura serale dei ristoranti è un grave danno»

Dopo le proteste ecco le proposte esposte dalle Fipe Confcommercio in un documento programmatico di sintesi.

1) Esonero da tasse, contributi e imposte almeno fino al 31 dicembre 2020

2) Fondo perduto da erogare alle aziende proporzionale alle perdite di chiusura o di limitazione dell’orario di apertura dell’esercizio

3) Ripristino orario di chiusura per i pubblici esercizi al precedente Dpcm ovvero alle 24

4) Credito di imposta per tutti gli affitti e le locazioni proporzionale al periodo di chiusura o alla limitazione dell’orario di apertura

5) Calmierazione dei prezzi riguardanti le utenze oltre alla dilazione automatica del pagamento delle bollette durante i periodi emergenziali.

GUARDA IL VIDEO








Questo è un articolo pubblicato il 28-10-2020 alle 13:03 sul giornale del 29 ottobre 2020 - 266 letture

In questo articolo si parla di attualità, protesta, pesaro, vivere pesaro, articolo, luca senesi, nuovo dpcm

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bzZ7





logoEV