Fano: DPCM, l’ira di #Ristoritalia: “Il 2021 sarà l’anno peggiore, finiremo tutti nelle mani delle multinazionali”

3' di lettura Ancona 04/12/2020 - ABBIAMO OLTREPASSATO OGNI LIMITE. #Ristoritalia grida il proprio DISDEGNO al governo centrale (volutamente in minuscolo), il quale sta decidendo le sorti di un’intera categoria composta da migliaia di operatori del settore Horeca, le famiglie, i dipendenti e le loro famiglie, tutta la filiera, i tanti BAMBINI, figli di operatori, che non riescono più a capire quale FUTURO avranno attraverso ciò che sta succedendo.

Aumentano a dismisura le incertezze, che divengono CERTEZZE CATASTROFICHE! Il 2021 sarà il peggiore anno che si potesse immaginare, reparti interi barcollanti che rischiano il fallimento, ma ATTENZIONE, non causato dalla crisi sanitaria, NOOOO, bensì dalla MALA GESTIO di questo governo (volutamente minuscolo) che HA FATTO e FA acqua da tutte le parti. Le FALLE sono evidenti a tutti i cittadini italiani non solo ai lavoratori della categoria vituperata e mai difesa! Gestire un Paese come fosse un gioco quiz e a premi è INTOLLERABILE! Stare lì a guardare quanto resistiamo sotto le ingiustizie, come bambini che provano a vedere la tolleranza dei genitori nel commettere marachelle! Subire un danno e trovare delle soluzioni è doveroso e dignitoso, subire BEFFE da parte di un governo è INDECENTE!

Sono passati 10 mesi, le analisi di quanto accaduto sono sotto gli occhi esterrefatti di tutti. Conte, ti chiami Giuseppe, ma non hai nulla a che vedere col Padre di famiglia. Un ministro della sanità che ha per cognome l'ossimoro delle proprie azioni. APRIRE UN RISTORANTE NON È UNO SCHERZO, già ma, voi che cosa mai potrete saper al riguardo? A suon di 15-20 mila euro al mese, lo sforzo più grande è decidere se andare ospite a Porta a Porta o dalla D'Urso. Fanc***! Ve ne rendere conto? NO! Siamo in questa situazione grazie a 30 anni di tagli alla sanità, e da aprile avete usato la mannaia per accentuare il disagio e le ingiustizie! I provvedimenti totalmente insufficienti e inadeguati!

Non venite a dirci che si deve aver rispetto per la sanità e per il disagio legato al Covid19. Abbiamo attivato tutti i protocolli come da voi stabilito, e non provate a dire che il rischio è aumentato nei ristoranti perché sapete benissimo, brutali inf**** che noi abbiamo fatto tutto il necessario. Semmai voi, e le forze dell'ordine non avete chiuso immediatamente i battenti ai pochissimi che hanno infranto consapevolmente le regole mettendo a rischio in primis la salute di tutti e secundis l'economia di un settore!

NON SI PUÒ FARE DI L'ERBA UN FASCIO! Non si ritirano le patenti a tutti gli automobilisti per qualcuno che sfreccia ai 200 all'ora! Volete continuare a giocare a tana libera tutti per poi aver un capro espiatorio? È una partita a scacchi dove voi avete tutte le contro mosse studiate e pronte ad annientarci. VERGOGNA! Le istituzioni che urlano slogan salvifici e le Banche che continuano a sistemare i propri conti fregandosene delle micro-imprese. Arriveranno multinazionali, soprattutto estere, tra 12-15 mesi acquistando in saldo la migliore filiera che ha reso famoso questo Paese. FINO A CHE PUNTO DOBBIAMO ARRIVARE?



Lorenzo Vedovi
portavoce #Ristoritalia

Seguono alcune foto relative alle manifestazioni organizzate dall'associazione.

Per le tue segnalazioni, per ascoltare il nuovo radiogiornale e per restare sempre aggiornato iscriviti al nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp salvare in rubrica il numero 350 564 1864 e inviare un messaggio qualsiasi allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano







Questo è un articolo pubblicato il 04-12-2020 alle 14:44 sul giornale del 05 dicembre 2020 - 410 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, ristoratori, articolo, dpcm, ristoritalia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bEEW





logoEV
logoEV