Istat: calano i prezzi al consumo (-0,2%) nel 2020. È la terza volta nella storia

1' di lettura Ancona 18/01/2021 - In media, nell'anno 2020, i prezzi al consumo hanno fatto registrare una diminuzione corrispondente a -0,2% (da +0,6% del 2019).

Al netto degli energetici e degli alimentari freschi (l'inflazione di fondo), i prezzi sono cresciuti dello 0,5% (come nel 2019) e al netto dei soli energetici dello 0,7% (da +0,6% del 2019).

Lo ha comunicato il report-Istat, confermando la stima preliminare inerente all'anno in questione. Secondo l'Istituto Nazionale di statistica "la diminuzione dello 0,2% è la terza registrata a partire dal 1954, da quando cioè è disponibile la serie storica dell'indice Nic (-0,4% nel 1959, -0,1% nel 2016)".

L'Istat inoltre, rivedendo una misurazione preliminare, ha comunicato che: "Nel mese di dicembre 2020, si stima che l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività (Nic), al lordo dei tabacchi, aumenti dello 0,2% su base mensile e diminuisca dello 0,2% su base annua (come nel mese precedente). Le valutazioni iniziali erano rispettivamente del +0,3% e -0,1%.






Questo è un articolo pubblicato il 18-01-2021 alle 11:08 sul giornale del 19 gennaio 2021 - 168 letture

In questo articolo si parla di economia, roma, redazione, lazio, articolo, Antonello Staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bJRZ





logoEV