Discoteche, sicurezza garantita per il “popolo della notte”: a ballare con il distanziometro

2' di lettura Ancona 29/06/2021 - In discoteca a ballare in tutta sicurezza grazie al distanziometro. In attesa di sapere quanto e come i locali da ballo potranno riprendere l’attività ci si ingegna per coniugare il divertimento con la sicurezza. La tecnologia arriva così in soccorso del popolo della notte come nel caso del Safety Bubble Device, un dispositivo elettronico portatile che vibrando avverte chi lo indossa se si viola il distanziamento sociale.

L’SBD, realizzato e brevettato da Iotalab, start up anconetana nata dall’unione tra Vesta e Zanini Consulting, è stato di recente sperimentato in un locale notturno della provincia di Lecco e i dati che non emersi sono molto interessanti. Su circa 200 presenti nel giardino del locale (più il personale), all’aperto quindi, in uno spazio di 600 metri quadrati, in quasi 5 ore sono state registrate 582 “collisioni” in assenza di rischio, cioè con durata che secondo le prescrizioni non comporta l'esposizione al rischio di contagio.

In pratica ogni volta che due dispositivi si avvicinano entro il metro previsto per legge, essi iniziano a vibrare e la “collisione” viene registrata in forma anonima. La possibilità di risalire alle persone è data solo alle autorità sanitarie in caso di contagio segnalato. Dei contatti segnalati tutti sono durati meno di 3 secondi mentre i contatti stretti, che secondo la legge devono essere di 15 minuti totali al di sotto di 2 metri, sono stati pari a zero.

"Questo sistema evidenzia che la tecnologia può aiutare le discoteche e i locali di intrattenimento a dimostare che è possibile realizzare eventi al chiuso in regime di prevenzione e con la possibilità di un immediato e selettivo contact racing anche riducendo la responsabilità dei titolari in caso di contagio" spiega Simone Fedeli, socio fondatore e a capo del team di ingegneri di IotaLab. Divertimento consentito nella massima sicurezza e la possibilità per la categoria più danneggiata dalla pandemia di tornare al lavoro. Non solo ballo. Il Safety Bubble Device è stato infatti già impiegato con successo in diverse altre situazioni: in una clinica privata per mantenere le distanze tra le persone in coda all’accettazione, per aperitivi di networking, per mostre ed eventi, a scuola e negli uffici pubblici. Un brevetto nato nel corso del lockdown e che ha permesso a Iotalab di crescere e addirittura di assumere nuove figure professionali da inserire in azienda.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-06-2021 alle 11:59 sul giornale del 30 giugno 2021 - 183 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b9lN





logoEV
logoEV