Politecnica sempre più riferimento internazionale grazie all'intesa con la Fondazione Iniziativa Adriatico-Ionica

3' di lettura Ancona 06/07/2021 - Firmato il protocollo d’intesa tra l’Università Politecnica delle Marche e la Fondazione Segretariato Permanente Iniziativa Adriatico-Ionica. Stanziati 135 mila euro per 10 borse di studio biennali a studenti stranieri e l'avvio di un insegnamento sui temi relativi all'integrazione europe

Si è arrivati alla firma nella mattina di martedì del protocollo d'intesa tra l'Università Politecnica delle Marche, rappresentata dal magnifico Rettore Prof. Gian Luca Gregori, e la Fondazione Segretariato Permanente Iniziativa Adriatico-Ionica, forum intergovernativo per la cooperazione regionale nella Euroregione Adriatico Ionica, rappresentata dal suo Presidente , l'Ambasciatore Giovanni Castellaneta. Oggetto dell'accordo istituire 10 borse di studio, di durata biennale, a favore di studenti provenienti dai Balcani Occidentali per l'iscrizione ad uno dei 4 corsi di laurea magistrale in lingua inglese dell’Università Politecnica delle Marche (Intenational Economics and Commerce, Biomedical Engineering, Environmental Engineering e Food and Beverage Innovation and Management).

La collaborazione prevede anche l’avvio di un insegnamento sui temi relativi all'integrazione europea ed allo sviluppo politico-economico dei Paesi interessati alla Iniziativa Adriatico Ionica ed alla European Strategy for the Adriatic-Ionian Region (EUSAIR) ovvero Albania, Bosnia-Erzegovina, Croazia, Grecia, Italia, Montenegro, Repubblica del Nord Macedonia, Serbia, Slovenia.

Un accordo che rispecchia la vocazione internazionale della Politecnica delle Marche, che sempre più vede il suo ruolo di rilevanza e riferimento non solo sul territorio, ma ache all'interno della macro regione europea. “Nell’ambito delle politiche di internazionalizzazione l’Università Politecnica delle Marche ha da tempo assunto l’impegno di incentivare la mobilità studentesca – afferma il Rettore Prof. Gian Luca Gregori – e di attrarre studenti stranieri. Con questo protocollo si consolida il ruolo fondamentale della collaborazione accademico-scientifica con i Paesi dei Balcani Occidentali promuovendo azioni per lo sviluppo di attività di ricerca e didattica, favorendo la conoscenza, l’integrazione e l’arricchimento reciproco fra le culture e la circolazione dei saperi”.

Apertura verso l'estero che costituisce un valore aggiunto per il territorio promuovendo lo scambio culturale tra gli studenti che si troveranno a frequentare la politecnica grazie alla borsa di studio biennale. Un investimento sulle nuove generazioni che come ricorda l'Ambasciatore Castellaneta è alla base della "Dichiarazione di Ancona”. “Le 10 borse di studio e la cattedra universitaria su temi relativi all’integrazione europea ed allo sviluppo politico/economico dei Paesi interessati dalla Strategia EUSAIR, bene si inseriscono all’interno del dossier giovani che il Segretariato IAI ha portato avanti con forza in questi ultimi anni e che proseguirà sotto la Presidenze Albanese dell’Iniziativa”.

A partecipare al progetto anche la Uni Adrion, associazione internazinale senza scopo di lucro tra le università e i centri di ricerca del bacino Adriatico-Ionico, che conta tra i suoi membri anche la Politecnica delle Marche “Ringrazio queste due istituzioni per l'opportunità che daranno a questi dieci ragazzi- dichiara il prof Andrea Perna, prof Univpm e Segretario Generale Uni Adrionricordo venti anni fa i primi sforzi per l'internazionalizzazione delle Università. Oggi lavoriamo per rendere l'internazionalizzazione un processo strutturato. Anche con tutte le difficoltà quando c'è l'impegno di tutte le parti in causa, come in questo caso, i progetti sono vincenti”.


di  Filippo Alfieri
redazione@vivereancona.it





Questo è un articolo pubblicato il 06-07-2021 alle 16:32 sul giornale del 07 luglio 2021 - 140 letture

In questo articolo si parla di attualità, ancona, articolo, Filippo Alfieri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b0cg





logoEV
logoEV