Pesca di frodo a Portonovo, sequestrati 6 quintali di ricci di mare

1' di lettura Ancona 30/07/2021 - Operazione congiunta della guardia costiera e della guardia di finanza di Ancona contro la pesca illegale: sequestrati 12 mila ricci di mare, nei guai 6 pescatori pugliesi

Venerdì mattina i militari della guardia costiera e del reparto operativo navale della guardia di finanza di Ancona hanno sequestrato circa 12.000 esemplari di ricci di mare (Paracentrotus Lividus) irregolarmente pescati nelle acque di Portonovo. Nei guai sono finiti sei pescatori di frodo provenienti dalla provincia di Trani, individuati dai militari mentre erano intenti ad effettuare la pesca subacquea di ricci di mare nella zona di Portonovo. La pesca sportiva dei ricci di mare è consentita, ma solo senza l’ausilio di attrezzatura subacquea e per un massimo di 50 esemplari a testa.

Per i pescatori, tutti indentificati, sono scattati il sequestro dell’attrezzatura subacquea e sanzioni per un totale di 8mila euro. L'intero pescato, circa 600 chilogrammi, è stato sequestrato e dopo gli accertamenti di rito è stato rigettato a mare da una motovedetta della guardia costiera.








Questo è un articolo pubblicato il 30-07-2021 alle 12:36 sul giornale del 31 luglio 2021 - 256 letture

In questo articolo si parla di cronaca, guardia costiera, pesca di frodo, marco vitaloni, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ccNj





logoEV