Ex Mutilatini, Aic: "Parole indecenti della sindaca, ma niente di nuovo"

ex mutilatini Portonovo di Ancona 2' di lettura Ancona 09/12/2021 - Dietro alle parole della sindaca Mancinelli che, con la solita arroganza, boccia come dilettantismo il progetto dal basso per la struttura degli ex Mutilatini e chiama a raccolta gli imprenditori veri, c’è in realtà tutta la visione politica della sindaca e di questa Ammnistrazione Comunale.

La maschera della partecipazione è caduta da tempo, come quando nel 2015 l’associazione APS Portonovo per Tutti ha messo insieme competenze, architetti economisti, docenti universitari e l’Univpm, sviluppando gratuitamente un progetto partecipato e condiviso dai cittadini per trasformare il rudere in un ostello per il turismo sostenibile e un centro polifunzionale a servizio della baia, con un piano economico sostenibile e verificato, presentato a supporto del progetto. Quella struttura era stata acquistata dal Comune, quindi soldi di tutti, nel 2005 per oltre 3 milioni di euro e già allora l’acquisto prevedeva l’utilizzo per scopi sociali. Poi, invece, la struttura è stata inserita nel piano delle vendite per realizzare alberghi di lusso resort o Spa.

Insomma in questa città basta che tu sia un imprenditore e che metta dei soldi, puoi acquistare pezzo dopo pezzo la città. Contro questa visione privatistica della baia era nato il Comitato Portonovo Per Tutti contro la visione della Giunta di un Portonovo per pochi. Su pressione dei cittadini e del Consiglio comunale, la Mancinelli ha dovuto eliminare la struttura dal piano delle vendite e nel 2015 il Consiglio Comunale ha approvato il piano di recupero della struttura a scopo sociale. Ma da allora si è lasciata la struttura in colpevole abbandono e degrado! Questa è una strategia ben precisa! La Mancinelli ha sempre detto sui Mutilatini “..non ci metto una lira”.

Poteva fare tantissime cose davvero.. dalla richiesta di fondi regionali a partecipare a bandi nazionali ed europei e ora ci sarebbero anche i Fondi del PNRR. Ciò che sta succedendo nella città di Ancona è comune a tutte le città d’Italia. Non è questo il compito di un Sindaco che dovrebbe salvaguardare e valorizzare il patrimonio pubblico collettivo. Come Altra Idea di Città siamo e saremo sempre contro questa progressiva svendita dei beni comuni, che va a braccio con l'esternalizzazione dei servizi pubblici in un disegno che segue il favore dei privati a discapito della collettività.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-12-2021 alle 12:09 sul giornale del 10 dicembre 2021 - 185 letture

In questo articolo si parla di politica, ancona, portonovo, mutilatini, ex mutilatini, altra idea di città, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cyVj





logoEV
logoEV