contatore accessi free

Il Forum Marche richiede alla Regione un intervento concreto per le donne in difficoltà

3' di lettura Ancona 07/10/2022 - Da alcuni giorni sono stati affissi, da anonimi, sia a Jesi che ad Ancona, alcuni manifesti che intendono dare informazioni alle donne circa le possibilità di interruzione volontaria della gravidanza, secondo la legge 194, con omissione totale di altri aspetti importanti di cui la legge è portatrice.

Una premessa è d’obbligo: i manifesti affissi, da alcuni giorni, a Jesi e Ancona, circa le possibilità di interruzione volontaria di gravidanza, secondo la legge 194, non sono firmati e, quindi, appare lecito pensare che la loro affissione NON sia stata autorizzata. Quando si trattano certi argomenti, occorrono senza alcun dubbio serietà e dialogo sincero, e non ci si può limitare a mettere in risalto, per puri motivi ideologici, solo una parte di un discorso ben più ampio e da affrontare a 360 gradi. Oggi, di fronte ad un tasso pari quasi a zero di nati nella nostra Regione, è necessario dare risposte concrete alle donne e le Istituzioni, tutte le Istituzioni, dovrebbero farsi carico delle difficoltà e degli ostacoli che colpiscono donne e famiglie e dare loro sostegno a tutela della maternità.

La legge 194, a distanza di più di 40 anni dalla sua emanazione, continua ad essere inapplicata nella sua parte principale ed iniziale. Più volte come Forum delle Associazioni Familiari delle Marche, al quale aderiscono più di 25 associazioni che si occupano di famiglia presenti su tutto il territorio regionale, abbiamo sollecitato l’applicazione della legge, sostenendo anche la proposta di convenzionare i diversi consultori, pubblici e privati, che già lavorano nel nostro territorio con competenza e professionalità e possono essere di vero aiuto all’applicazione della legge stessa. Abbiamo ribadito, inoltre, la necessità che le diverse associazioni che sostengono la vita nascente abbiano spazi pubblici, utili ad aiutare le donne in questa fase delicata della vita, facendosi carico concretamente delle difficoltà della donna nel rispetto della libertà individuale.

Dopo la pandemia, a maggior ragione, occorre intervenire, con grande forza e determinazione, a sostegno delle donne. Urge attivare sportelli informativi, magari con il sostegno delle associazioni di volontariato in grado di non lasciare sole le donne anche dopo la nascita del figlio. È oltremodo necessario che la Regione Marche vi metta mano, senza pregiudizi di alcun genere, ma con un rinnovato ed evidente intento di ascoltare quel grido di dolore che arriva dalla donna quando si trova ad affrontare questa scelta difficile, cercando di attivare tutte le sinergie presenti sul territorio, in uno scambio fatto di vero ascolto e autentica condivisione, con il solo desiderio di aiutare la donna in difficoltà. Da troppo tempo e da più soggetti, alla famiglia sono mancati un sostegno culturale e concreti aiuti economici che agevolino l’apertura alla vita. Non si può certo combattere la denatalità nella nostra Regione (tra le più alte d’Italia) continuando con atteggiamenti di scontro ideologico che non portano da alcuna parte e non fanno gli interessi di nessuno.

Il Forum delle Associazioni Familiari delle Marche invita pertanto la Giunta Regionale, con il coinvolgimento della Consulta Regionale della famiglia, a sedersi al più presto intorno ad un tavolo per prendere finalmente a cuore la tematica della natalità e della vita nascente, per il bene di tutto il nostro territorio marchigiano e delle future generazioni. Senza dimenticare che il titolo della legge 194 inizia così “Norme per la tutela sociale della maternità”. È responsabilità e compito di tutti lavorare per garantire questa tutela.


dal Forum Associazioni Familiari delle Marche





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-10-2022 alle 17:52 sul giornale del 08 ottobre 2022 - 46 letture

In questo articolo si parla di attualità, gravidanza, legge 194, maternità, Forum delle Associazioni Familiari delle Marche, interruzione, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/duBS