contatore accessi free

Violenza sulle donne, firmato in Questura il protocollo Zeus

violenza sulle donne 5' di lettura Ancona 29/11/2022 - Firmato oggi in Questura ad Ancona il protocollo Zeus, tra il Sindaco di Macerata, Sandro Parcaroli, in rappresentanza dei Sindaci della Regione ed il Questore dr. Cesare Capocasa, per la Questura di Ancona.

Il protocollo Zeus, come sottolineato dal Questore di Ancona, rappresenta: “Un modello d’azione innovativo che amplia l’efficacia dell’Ammonimento del Questore, consentendo di invitare i soggetti colpiti dal provvedimento a sottoporsi ad un programma di recupero, con supporto psicologico e di prevenzione, appositamente organizzato dai servizi presenti sul territorio. I risultati dimostrano che gli interventi preventivi rivolti agli autori delle violenze sono complementari alle misure adottate a sostegno delle vittime”.

Il Sindaco di Macerata, Sandro Parcaroli ha sottolineato: “La sinergia operativa creatasi con il Questore di Ancona e le altre Questure presenti sul territorio, nel comune intento di costruire una rete di supporto per contrastare la violenza di genere e prevenire condotte violente, attraverso un cambiamento culturale, che coinvolga tutti i soggetti che operano nel sistema e che parta dalle scuole".

Alla stipula hanno presenziato la Dirigente della Divisione Anticrimine della Questura di Ancona, Dr.ssa Marina Pepe, la Dirigente Coordinatrice dell’Ambito Sociale 15, dr.ssa Carla Scarponi e l’Assistente Sociale dr.ssa Valeria Pasqualini.

Per comprendere il percorso svolto per giungere alla stipula dell’odierno protocollo e del documento programmatico che lo accompagna si segnala che L'ATS 15 - Comune di Macerata, nel corso del 2021, è stato individuato dalla Regione Marche, con l'accordo degli altri Ambiti Provinciali, come referente per la realizzazione del Sistema regionale di servizi e interventi rivolti agli uomini autori di violenza, in collaborazione con la stessa Regione e gli Ambiti Territoriali Sociali Capoluoghi di Provincia.

Il Sistema è stato definito tramite una procedura di co-progettazione che ha consentito innanzitutto l'individuazione di più partner del settore privato con i quali definire le modalità operative: all'Avviso hanno infatti risposto diverse realtà regionali che si occupano da anni di prevenzione e contrasto alla violenza di genere (Polo 9 Società Cooperativa Sociale - Impresa Sociale, capofila di progetto, Il Faro Società Cooperativa Sociale, On the Road Cooperativa Sociale, Labirinto Cooperativa Sociale). Inoltre, la co-progettazione ha consentito la partecipazione attiva di tantissimi soggetti pubblici che hanno contribuito attivamente alla costruzione del progetto definitivo: le Questure di Ancona, Macerata, Fermo, Ascoli e Pesaro; le Procure di Ancona, Macerata e di Pesaro, gli Ambiti Territoriali Sociali provinciali, il Provveditorato dell'Amministrazione Penitenziaria Marche-Emilia Romagna, Prefetture di Ascoli Piceno, Fermo e Pesaro, Carabinieri di Ancona, Ordine degli Avvocati di Macerata e Ancona, Ordine Psicologi Marche, il Garante dei diritti dei detenuti, UEPE di Ancona e l'UEPE di Macerata.

Il Sistema prevede ha previsto due diverse linee di azione strettamente interconnesse tra di loro:

AZIONE 1:

Set up e avvio di Centri per Uomini autori o potenziali autori di violenza (CUAV Marche) con sedi dislocate per ogni provincia della Regione Marche, anche attraverso l’implementazione e il potenziamento dei servizi già esistenti come ad Ancona, con l’Associazione POLO9, prevedendo inoltre la diffusione della presenza di tale servizio nei territori al momento sprovvisti, in modo da garantire un’omogeneità degli interventi e delle prese in carico in tutta la Regione.

La suddetta Azione, finanziata con fondi del Dipartimento Pari Opportunità, inoltre, prevede la definizione di un sistema di intervento integrato con i servizi specializzati per il supporto alle donne vittime di violenza e ai loro figli e la redazione di prassi operative regionali.

AZIONE 2:

Soluzioni abitative, a valenza regionale e idonee a far fronte alle necessità relative sia alla zona Nord che alla zona Sud della Regione, per consentire, laddove necessario, l’applicazione degli artt. 282 bis CPP e 384 bis CPP per favorire l’allontanamento d’urgenza del maltrattante dalla casa familiare. Questo tipo di Azione, da quello che ci risulta, non è presente in nessun'altro territorio a livello nazionale.

Dalla procedura di co-progettazione, sono stati individuati due appartamenti (uno ad Ancona, Via Ugo Bassi, per la zona Marche Nord, uno a Macerata, Via Montanello, per la zona Marche Sud) per un totale di cinque posti letto; sono stati anche definiti accordi con strutture ricettive per le urgenze.

La Polizia di Stato, da sempre presente accanto alle Donne vittime di violenza e atti persecutori, ritiene che l’Ammonimento del Questore e il Protocollo Zeus per il recupero degli uomini maltrattanti, costituiscano in questo momento storico, gli strumenti di maggiore deterrenza e prevenzione di condotte gravemente lesive della libertà personale e dell’integrità della persona, in grado cioè di contrastare efficacemente anche il pericolo di recidive.

All’atto della notifica del Provvedimento gli Ufficiali di P.S. delegati dal Questore, inviteranno e forniranno agli uomini ammoniti, i riferimenti dello sportello operante sul territorio di Ancona, cui rivolgersi per accedere al servizio.

Grazie al Progetto, finanziato con fondi pubblici, sarà possibile per gli autori di condotte violente, maltrattanti e/o persecutori, che decidano spontaneamente di accedere ai percorsi, poter usufruire gratuitamente dei servizi messi a disposizione sul territorio.

Per Ancona lo sportello è presente grazie all’Associazione Polo9, in Piazza della Repubblica n. 1/D, il Lunedì e Venerdì dalle ore 10.00- 12.30/ 15.00-18.00. Per contatti la mail è puntovoce@polo9.org; oppure contattare l’utenza cell. 329.545.12.04.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-11-2022 alle 16:29 sul giornale del 30 novembre 2022 - 150 letture

In questo articolo si parla di attualità, polizia, ancona, questura di Ancona, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dFFP





logoEV
logoEV
qrcode