contatore accessi free

Nella rete dell'Operazione Alto Impatto due fratelli pusher. Per la Polizia foraggiavano di hashish Piano e Archi

4' di lettura Ancona 03/12/2022 - Gli agenti della Questura hanno trovato oltre due chili di hashish e oltre mezzo etto di marijuana sotterrati nel terreno antistante un rustico di famiglia, avvalendosi dell’ausilio delle Unità Cinofile della Questura

Nelle prime ore del pomeriggio di ieri, nell’ambito dell’Operazione “ALTO IMPATTO” disposta dal Questore di Ancona, e concordata con il Prefetto, dr. Darco Pellos, in sede di Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, i poliziotti della Squadra Mobile di Ancona hanno concluso un’importante attività che ha permesso di assicurare alla giustizia due giovani fratelli anconetani, dediti allo spaccio di sostanze stupefacenti.

La perquisizione effettuata presso l’abitazione, dove i fratelli vivono abitualmente, dava modo di trovare una scatola contenente 3 frammenti di hashish (circa 7 grammi) e la somma di 190 euro, ritenuto parte del provento dell’illecita attività di spaccio.

L’esito positivo confortava i Poliziotti, che decidevano di estendere l’attività anche ad un casolare di famiglia ubicato nelle campagne della prima periferia della città. Qui i poliziotti dopo una lunga perquisizione gli hanno trovato oltre due chili di hashish e oltre mezzo etto di marijuana sotterrati nel terreno antistante un rustico di famiglia, avvalendosi dell’ausilio delle Unità Cinofile della Questura, hanno messo al setaccio l’intera struttura e la campagna di pertinenza.

Oltre allo stupefacente sono stati rinvenuti numerosi residui di imballi, ancora sporchi di droga, riconducibili ad un precedente sconfezionamento dell’hashish e della marijuana che, successivamente, sarebbe stata riconfezionata, dividendola in altre buste da destinare a singoli spacciatori, utilizzando una macchina per il sottovuoto anch’essa rinvenuta sul posto e sequestrata.

All’esito delle inconfutabili evidenze probatorie, i due fratelli venivano tratti in arresto in ordine al reato di concorso in detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio e, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona, collocati presso il carcere di Montacuto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. La sostanza stupefacente era destinata a foraggiare le Piazze di Spaccio del Piano e degli Archi.

Inoltre, nell’ambito di servizi congiunti interforze dell’Operazione “Alto impatto”, effettuati presso nel pomeriggio di ieri nella zona di San Lazzaro, degli Archi e nella serata, anche in Centro, sono stati eseguiti numerosi e specifici servizi di controllo del territorio, con l’ausilio dell’Elicottero del Reparto Volo della Polizia di Stato di Pescara.

Sono stati effettuati degli accessi mirati presso alcuni esercizi commerciali e bar della zona interessata dal servizio di Polizia. La Polizia di Stato insieme alla Polizia Locale di Ancona ha verificato la regolarità delle suddette attività. Oltre al ristorante della zona degli archi sanzionato con l’ausilio degli ispettori Asur (qui l'articolo), con la chiusura della filiera di lavorazione del pesce, per mancanza accertata dell’abbattitore, è stato controllato un bar della zona del piano dove erano presenti alcuni soggetti pregiudicati e una sala giochi adiacente.

I controlli sono proseguiti con una ispezione di una struttura alberghiera sita nelle adiacenze di piazza Ugo bassi, dove sono state verificate le registrazioni degli alloggiati e comparate il servizio “alloggiati web” in dotazione alla Questura, senza riscontrare irregolarità.

Nel corso del pomeriggio, inoltre, con l’ausilio delle unità cinofile della Questura e delle pattuglie del reparto Prevenzione Crimine Umbria Marche, è stata controllata con particolare attenzione anche la Stazione degli autobus di Piazza Ugo Bassi, con un servizio dedicato che è durato alcune ore e che ha garantito all’utenza, che sale sui mezzi pubblici la presenze rassicurante della Polizia di Stato.

Il servizio è proseguito nella zona degli Archi, con dei posti di controllo, effettuati su entrambe le carreggiate di via Marconi, che hanno permesso di controllare oltre 50 autovetture e quasi cento persone.

Ancora, in Piazza Rosselli, sono state controllati alcuni locali prospicienti la Stazione Fs ed uno sito dentro la stessa Stazione ferroviaria. Infine, è stato controllato un locale tipo kebab il cui titolare è stato sanzionato perché non esponeva la licenza e non aveva l’indicazione degli orari di apertura e chiusura.

Il Questore di Ancona ha espresso vivo compiacimento al personale per l’ottimo servizio svolto, ribadendo ancora come: “ Restituire vivibilità e decoro alla città nel suo complesso è compito precipuo della Polizia di Stato e delle Forze di Polizia , l’Autorità si esercita servendo e garantendo ai cittadini Sicurezza e Ordine Pubblico”


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Ancona.
Per Whatsapp aggiungere il numero 350.0532033 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivereAncona o cliccare su t.me/vivereancona
Seguici su Facebook e Twitter







Questo è un articolo pubblicato il 03-12-2022 alle 11:58 sul giornale del 05 dicembre 2022 - 818 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, questura di Ancona, articolo, hashish ancona, operazione Alto Impatto, arresto spaccio, spaccio piano san lazzaro, spaccio archi ancona

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dGxU





logoEV
logoEV
logoEV
qrcode