contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CULTURA
comunicato stampa

Presentata la X edizione di Cinematica Festival: Le icone della danza contemporanea arrivano ad Ancona

14' di lettura
196

Cinematica si terrà dal 26 al 29 ottobre ad Ancona, tra Mole Vanvitelliana, centro storico e Teatro delle Muse, coinvolgendo diversi luoghi con spettacoli, talk, proiezioni e laboratori, un caleidoscopio che invaderà con grazia la città, facendone risuonare “l’anima” nascosta. A precedere Cinematica sarà la Preview - Omaggio alla danzatrice e coreografa americana Carolyn Carlson, con masterclass e spettacolo dal 20 al 22 ottobre tra Ancona e il Teatro di Osimo

L’incontro dal vivo con Carolyn Carlson, icona internazionale della danza contemporanea. La danza sufi dell’iraniana Rana Gorgani, unica donna derviscio rotante al mondo. L’omaggio al genio musicale di Ryūichi Sakamoto. Il confronto a tutto campo sull’impatto dell’intelligenza artificiale sulla parte animica e spirituale dell'uomo. Una nuova produzione per cori e musica elettronica. Il focus sugli anime giapponesi per bambini e ragazzi. E poi, ancora: danza, incontri, convegni, proiezioni, laboratori, corporeità, nuovi media, live e digitale.

È la proposta di Cinematica, il festival multidisciplinare che si occupa del rapporto immagine-movimento nelle arti visive e performative, che giunge alla X edizione, un importante traguardo da festeggiare con sette giorni di eventi, distribuiti in due week end dedicati ad esplorare il tema “De Anima”.

Il tema dell’anima – spiega Simona Lisi, direttrice artistica ed ideatrice di Cinematica - arriva dopo due edizioni post pandemiche, quella del 2021 e del 2022, dove abbiamo esplorato rispettivamente l’importanza del “tatto” e la relazione con la “natura”. Per chiudere questa trilogia è arrivato il momento di rivolgerci all’anima e alla parte più spirituale della nostra relazione con il Mondo. Per questo abbiamo creato una programmazione attenta con artisti scelti per la loro poetica e l’apporto che hanno dato a questo tema, che ha un risvolto anche più leggero, anima come animazione, come tecnica del rendere vivo e animato ciò che non è”.

L’edizione 2023 di Cinematica è organizzata da Associazione Ventottozerosei, con il sostegno del Ministero della Cultura, Regione Marche, Comune di Ancona, La Mole, Amat, Marche Teatro, AIRDanza, e con il patrocinio di Università Politecnica delle Marche. Collaborano Cineteca di Bologna, Rainbow, Acusmatiq Matme, Fogola, Acca Academy, Coro Orlandini, Coro Ferretti, Movimento Giovani, Save The Children, Artdigiland, Bottega Morini. Sponsor tecnico Cattolica Assicurazioni, Media Partner Radio Arancia e Urban Experience. Si ringrazia M&P Parcheggi, Piccoli Produttori Grandi Vini, la casa vinicola POLITI di Arcevia per il sostegno e la collaborazione.

IL PROGRAMMA

La prima importante ospite internazionale di Cinematica è la danzatrice e coreografa Carolyn Carlson. L’artista statunitense, con la quale la Lisi ha studiato presso l'Aterballetto e a Parigi alla Cartoucherie, sarà dal 20 al 22 ottobre tra Osimo e Ancona per una preview a lei completamente dedicata dal titolo “L'anima e la danza” realizzata in collaborazione con AMAT, Comune di Ancona e Comune di Osimo.

In programma, ad Ancona presso la scuola di danza Studio Danza, una masterclass esclusiva, che darà occasione a professionisti e allievi di livello avanzato di studiare con una delle più grandi interpreti della danza contemporanea, la prima coreografa a ricevere un Leone d’Oro alla carriera. Nella masterclass, Carolyn Carlson sarà affiancata da due storici collaboratori, la danzatrice Sara Orselli e il musicista veneziano Paki Zennaro.

La sera del 22 ottobre sarà poi ospite del Teatro La Fenice di Osimo per una serata interamente a lei dedicata, a partire dalle ore 19 tra proiezioni video sulla sua lunga carriera, lo spettacolo “Mandala” firmato dalla Carlson e interpretato dalla danzatrice Sara Orselli, e il dialogo con una delle più autorevoli giornaliste di danza, Francesca Pedroni.

Coreografia del 2010, “Mandala” affascina lo spettatore con il suo ritmo ipnotico, accompagnato dalla musica intensa di Michael Gordon. Al cerchio dell’ensō, che simboleggia sia l’universo sia il gesto artistico perfetto, si aggiunge anche il riferimento agli agroglifi, motivi circolari apparsi nei campi di grano. Manifestazioni geometriche dalle origini misteriose, appaiono come un messaggio emesso da una forza dello spirito, forse venuta da altrove, e sembrano volerci ricordare le forze sconosciute che ci circondano.

Il programma del Cinematica entra nel vivo dal 26 al 29 ottobre, ad Ancona tra centro storico e Mole Vanvitelliana. Pubblico, artisti e studiosi sono chiamati a riflettere sulla relazione tra spirito e forma, intelligenza artificiale e coscienza, proponendo un percorso tra arti performative, cinematiche e digitali in relazione con la parte animica e spirituale dell'uomo.

Giovedì 26 ottobre, dalle ore 17 alle ore 19, all’Auditorium Buon Pastore di via Biagio Oddo, c’è l’ottavo talk dedicato a corporeità e nuovi media”, quest’anno sul tema “Nous, Predizioni e Oltremondi. La spiritualità tra robotica e AI”. Il convegno chiama alcuni tra i principali studiosi di nuovi media e tecnologie, ad un confronto a tutto campo sulla relazione tra intelligenza artificiale, spiritualità, religione, coscienza umana. Interventi di Simone Arcagni docente Nuovi Media e Tecnologie (Università degli Studi di Palermo), Don Luca Peyron docente Teologia (Università Cattolica di Milano), Sauro Longhi docente di Automatica (Università Politecnica delle Marche), Giovanni Boccia Artieri docente Scienze della Comunicazione (Università degli Studi di Urbino), Graziano Graziani scrittore e conduttore di Fahreneit (Rai Radio3). Modera Laura Gemini docente Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi (Università degli Studi di Urbino).

A seguire, la consegna dei diplomi del primo Corso di perfezionamento “Nuove tecnologie per la performance. Corpo e spazio pubblico” nato in seno al Dipartimento di Ingegneria Edile e Architettura (DICEA) dell’Università Politecnica delle Marche. Si tratta di un programma didattico interdisciplinare unico in Italia, nato allo scopo di colmare il gap che si è venuto a creare tra chi progetta interventi performativi (musicali, coreografici, teatrali, digitali) e chi possiede il know-how tecnico per l’implementazione tecnologica di un progetto da un punto di vista visivo, auditivo, architettonico, sensoriale.

Chiude la giornata l’evento musicale “Pindarico. Fluttuazioni sonore per cori ed elettronica ore 21 a Santa Maria della Piazza, una nuova produzione di Cinematica Festival in collaborazione con Acusmatiq, Coro Ferretti e Coro Orlandini, che affianca il compositore elettronico dallo stile personale ed eclettico, Paolo Bragaglia, alle voci giovanili di due cori anconetani molto attivi nel repertorio sacro. Un viaggio onirico, apparentemente irrazionale, oltre la logica del qui e ora, del veduto e del toccato, alla ricerca della nostra matrice spirituale. Ingresso libero.

Il programma di venerdì 27 ottobre si apre alle ore 16,30 alla Sala Boxe della Mole Vanvitelliana con il seminario di studi a cura di AIRDanza dal titolo “Körperseele - l’anima e la danza. La rivoluzione del corpo-anima nella danza dei primi del '900”, con le studiose Francesca Falcone, Elena Randi e Laura Delfini, modera Roberta Albano. Il seminario vuole illustrare un periodo storico unico e fervido che portò dalla nascita della Ausdruckstanz e agli albori del Tanztheater di Pina Bausch: mezzo secolo di rivoluzione del corpo che ha rivolto l'attenzione ai moti interiori per cercare nuove forme di danza, fortemente influenzato dalle arti espressioniste.

Alla Corte Mole, ore 19, spazio alla danza con “Anime” della compagnia romana Atacama, evento in collaborazione con Amat. L’input della nuova creazione site specific dei coreografi Patrizia Cavola e Ivan Truol è il concetto di “Abitare”, condizione essenziale dell’esistenza che non è solo uno stare, ma anzitutto un esserci. La scrittura coreografica gioca con gli elementi architettonici, i livelli, i pieni e i vuoti, vicino-lontano, della Mole Vanvitelliana di Ancona, edificio denso di storia e dall’eccezionale struttura architettonica.

Si prosegue sempre alla Mole Vanvitelliana alle ore 20,30 nella Sala Polveri con la proiezione ad ingresso libero de “L’arpa Birmana”, di Kon Ichikawa, 1956, capolavoro della cinematografia giapponese distribuito dalla Cineteca di Bologna, e che torna in prima visione restaurato in 4K, in anteprima regionale. Il lungometraggio racconta la storia di un giovane soldato giapponese delle truppe d’occupazione in Birmania che all’annuncio della fine della guerra è mandato dai vincitori a tentare di convincere un gruppo di soldati che rifiuta di arrendersi. Un film epocale che, insieme a pochi altri, parla di nonviolenza e misericordia.

Alle ore 22, sempre in Sala Polveri, c’è l’audiovisual set in cui musica elettronica e arte visiva digitale interagiscono in tempo reale, con due protagonisti della scena sperimentale romana: Plaster, il progetto di musica elettronica portato avanti da Gianclaudio Hashem Moniri, e Franz Rosati, musicista, artista digitale ed esperto di tecnologie interattive. Un appuntamento in collaborazione con Acusmatiq Matme e Amat.

Sabato 28 ottobre ore 15 alla Mole Vanvitelliana (Sala Boxe e aula Didattica) si apre la sezione “Cinematica Kids / anime e animazione”, due giorni di eventi per bambini e ragazzi, con un focus sugli anime giapponesi, tra giochi, mercatini, laboratori e proiezioni gratuite.

Alle ore 15 si apre il mercato di libri manga e illustrazione con le librerie Acme, Akihaba Store-Fumetteria, Comics Soon, Libri d’Amare, Giaconi Editore, Oh che bel Castello, Libreria Fogola e la presenza del Circolo Lovercraft con giochi da tavolo e il Movimento Giovani di Save The Children.

Due i laboratori, quello di scrittura creativa “Scrittura perturbante” con la scrittrice Giorgia Tribuiani a cura della libreria Fogola, e “Pixelation” con la docente di tecniche di animazione Mariangela Malvaso a cura di ACCA Academy.

Dalle ore 17,30 alle ore 19, in Sala Boxe, c’è la proiezione del documentario “Animeland: Racconti tra manga, anime e cosplay” alla presenza del regista Francesco Chiatante che incontra poi il pubblico. “Animeland” è un vero e proprio viaggio tra cartoni animati giapponesi e non, manga, anime e cosplay, attraverso ricordi, aneddoti e sogni di personaggi degli ambiti più disparati il cui immaginario e la cui vita sono stati influenzati da fumetti e cartoni animati.

Alle ore 19, all’Auditorium della Mole Vanvitelliana, un appuntamento da non perdere, il concerto “L’anima della musica. Omaggio a Sakamoto”, in collaborazione con Amat. Un omaggio al musicista e compositore giapponese recentemente scomparso, che mette in dialogo Giuseppe La Spada, artista siciliano che ha condiviso con lui parte del suo percorso artistico, alla musica di Sakamoto, eseguita dal pianista romano Arturo Stàlteri. Guida di questo evento unico e speciale, il conduttore di Rai Radio3 Luca Damiani.

La serata prosegue alle ore 21,30 in Sala Polveri con un grande evento, lo spettacolo di danza “Dialogue avec Shams”, una performance-spettacolo sotto forma di autoritratto della danzatrice sufi iraniana Rana Gorgani, unica derviscia rotante al mondo a esibirsi in pubblico. Le donne, infatti, hanno il permesso di dedicarsi alla pratica spirituale sufi e alla danza dei dervisci rotanti, ma a condizione di attuarla in contesti privati e familiari. Lo spettacolo permette di intrecciare un dialogo immaginario con Shams (mistico errante del XIII secolo e grande figura del sofismo), elementi di autobiografia e riflessione intorno alla biculturalità, al viaggio migratorio, alle questioni di genere, alle ingiunzioni normative e alle politiche discriminatorie. Soprattutto, concede un momento sensibile e vibrante di danza e incontro.

Dopo lo spettacolo, Rana Gorgani dialoga con il pubblico di Cinematica Festival.

Chiude il programma di sabato l’audiovisual set di Camilla Pisani artista audiovisiva con base a Roma, che propone il suo ultimo album, Phant[as], ore 22,30, in Sala Polveri. Il progetto è influenzato dalla Fantasmagoria, una forma di teatro diffusasi maggiormente a Parigi nel XVIII secolo, nella quale venivano proiettate immagini di scheletri, demoni e fantasmi su muri e/o su delle lenzuola.

Domenica 29 ottobre riparte alla Mole (Sala Boxe e Aula didattica) la proposta di Cinematica Kids, con mercatini, laboratori, giochi di ruolo, proiezioni gratuite per bambini e ragazzi.

Si inizia la mattina (ore 10,30, Auditorium) con un evento in esclusiva, la Première della seconda serie di “Pinocchio and Friends”, la serie televisiva Rainbow creata da Iginio Straffi e realizzata in collaborazione con Rai Ragazzi. Un successo tutto italiano che ha conquistato il pubblico internazionale. In anteprima per Cinematica verranno proiettati tre episodi della serie 2 preceduti da un riassunto degli episodi più esilaranti della prima serie. Durante la mattinata i bambini saranno coinvolti nell’iniziativa “La Foresta di Pinocchio”, in collaborazione con Treedom, e dieci bambini avranno la possibilità di vincere uno dei 500 alberi già piantati dal progetto in Camerun, Colombia, Kenya, Nepal, Tanzania e potranno seguire a distanza la loro crescita e il loro contributo alla salvaguardia dell’ambiente.

Tra le proposte “kids” (e non per soli kids) intorno tema anime-animazione, alle ore 16 si presenta lo scrittore Massimiliano De Giovanni presenta il suo libro “In cucina con gli Anime giapponesi”, edizioni Kappalab, un libro di cucina che insegna come cucinare i piatti dei più famosi anime giapponesi: i ramen di Naruto, i takoyaki di One Piece, i daifuku di Sailor Moon, i macarons dei Pokémon, i panini di Heidi, i dorayaki di Doraemon e tantissimi altri piatti.

Alle ore 17, proiezione del film anime Cinematica 2023 ospita uno dei film più fortunati dell’animatore giapponese, “Il Giardino delle Parole” di Makoto Shinkai in collaborazione con DYNIT (ingresso gratuito). 45 minuti di intensa meraviglia pittorica firmati dall’autore di pluripremiati lungometraggi tra cui Your name, per raccontare vite complesse, nel segno dell’amore per gli opposti.

Nel pomeriggio tra Mole Vanvitelliana e Teatro delle Muse, si apre il Dance My Day, con tanti gli appuntamenti dedicati alle diverse forme della relazione tra corporeità e mezzo audiovisivo. In programma un laboratorio performativo con visori 3D, due spettacoli di giovani e affermate performer-autrici italiane, e la serata finale di Cinematica Videodance Competition, con la proiezione dei corti finalisti della competizione internazionale di videodanza.

Si inizia alle ore 16 alla Sala Polveri con “Peaceful Places (i luoghi pacifici)” di e con Margherita Landi e Agnese Lanza, con visori 3D. Il progetto è un’installazione partecipativa e inclusiva, dedicata al tema dell’abbraccio, con un utilizzo della Realtà Virtuale per imparare ad abbracciare di nuovo dopo lo scoppio della pandemia mondiale. Un’esperienza di vicinanza, grazie a coppie reali e ai loro corpi, e allo stesso tempo un’esperienza di assenza, di solitudine, perché il tocco e l’interazione sono solo immaginati.

Alle ore 18 all’Auditorium della Mole, tornano al Festival i progetti finalisti della competizione internazionale di videodanza “Cinematica Videodance Competition”, selezionati dalla Giuria di qualità, formata dalla coreografa Ariella Vidach, la regista Antonietta De Lillo, il giornalista Graziano Graziani. Intorno al filo conduttore 2023, “De Anima”, la competizione ha raccolto 150 progetti di video danza da tutto il mondo, e propone i finalisti in questa serata presentata da Cora Gasparotti: Ao pó voltaremos di Merli V. Guerra (PT), HinterTerra di Ana Baer, Heike Salzer (US), Her Clipped Wings di Andrea Baldassarri (IT), Silo di Jérémie Bouillon (FR), Listen to nature di Francesco Misceo (IT), Petras di Diego Delanoe, Fernanda Simón Montoya (CL), Absent Presence di Giorgia Ponticello (IT), Danzamatta di Vanja Victor Kabir Tognola (CH), Entanglement di Nuno Alexandre Serrão (PT), La naturale bellezza del creato di Michele Bernardi, Roberto Zappalà (IT), Call of the Cranes di Vilma Tihilä (FL), Depart di Mimi Garrard (US).

Cinematica si chiude al Teatro delle Muse con due spettacoli di danza, in collaborazione con Marche Teatro.

Alle ore 21, nel Ridotto del Teatro, c’è “Anonima” di e con Cecilia Ventriglia, scene Davide Calvaresi, luci Pietro Cardarelli, una Creazione istantanea di un polittico a più pannelli pittorici incentrati sul binomio essere umano/essere divino. Il focus è su quella forza spirituale che ci appartiene ed è inscritta in ciascuno di noi. L’opera intende soffermarsi sul contatto con tale mistero dandogli una forma visibile, attraverso un pupazzo di cartone dalle sembianze inequivocabili, quelle di Gesù, il Gesù uomo, esempio archetipico dell’energia spirituale presente in ciascuno di noi.

Alle ore 21,45 al Salone delle Feste c’è “X” con il concept di Olimpia Fortuni ed il suono di Katatonic Silentio, coproduzione Sosta Palmizi e Fondazione Fabbrica Europa. Suono, corpo, movimento, architetture naturali e artificiali sono gli strumenti di un viaggio in cui la musicista e la danzatrice, nel ruolo di ricercatrici/esploratrici, accompagnano gli spettatori in un luogo altro per un’esperienza sensoriale che gioca in un saldo equilibrio tra reale e surreale.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Ancona.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereAncona oppure aggiungere il numero 350.0532033 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivereAncona o cliccare su t.me/vivereancona
Seguici su Facebook e Twitter




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-10-2023 alle 18:50 sul giornale del 14 ottobre 2023 - 196 letture






qrcode