contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
comunicato stampa

Accende un fumogeno e lo lancia in mezzo al campo, D.A.S.P.O per un tifoso dell’U.S. Ancona

2' di lettura
106

In data di ieri, il Questore di Ancona, Dr. Cesare Capocasa, nell’ambito delle attività volte a contrastare fenomeni di violenza in occasione di manifestazioni sportive, ha firmato,  ai sensi dell’art. 6 della Legge nr. 401 del 13 dicembre 1989 e successive modificazioni, un provvedimento, elaborato dall’Ufficio Misure di Prevenzione della Polizia Anticrimine, di divieto di accesso ai luoghi del territorio nazionale, a partire ove si svolgono tutte le manifestazioni sportive di calcio di qualsiasi categoria, organizzate dalle federazioni sportive e dagli enti e organizzazioni riconosciuti dal Comitato Olimpico Nazionale italiano, compresa la squadra nazionale di calcio.

Il D.A.S.P.O. è stato disposto e notificato ad un tifoso trentenne anconetano, il quale in occasione dell’incontro di calcio U.S. Ancona - Sestri Levante, lo scorso 14 aprile, è stato ritenuto responsabile di condotta pericolosa, in quanto accendeva, all'interno del settore Curva Nord riservato alla tifoseria locale, un artifizio pirotecnico (Fumogeno) che poi veniva lanciato all'interno del terreno di gioco causando la momentanea sospensione della partita per consentire al personale addetto di rimuoverlo e spegnerlo, creando concreto pericolo per l’incolumità dei presenti.

Dalle immagini registrate ed estrapolate dalla Polizia Scientifica il suddetto tifoso è stato successivamente identificato dalla locale Digos, grazie all’operato della Squadra Tifoseria, e deferito all’Autorità Giudiziaria competente.

Il soggetto, colpito dal provvedimento, non potrà accedere alle manifestazioni sportive per 8 anni. La durata temporale di interdizione é stata valutata tenendo conto che il destinatario era recidivo, in quanto già stato sottoposto altre volte a daspo sportivo. Inoltre, gli veniva prescritto il divieto di accesso nei luoghi circostanti lo stadio anconetano "Del Conero" per un periodo di 4 anni.

Il Questore di Ancona: “ Lo sport deve essere strumento per insegnare ai nostri giovani la capacità per affrontare e risolvere i problemi e le avversità che possono presentarsi nella vita. Lo sport insegna valori come l’inclusione, il lavoro di squadra, l’autodisciplina. Ciò che accade, talvolta, al margine degli eventi sportivi, soprattutto calcistici, è inammissibile ed intollerabile. Colpiremo inesorabilmente tutte le condotte violente o in violazione di legge”.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Ancona.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereAncona oppure aggiungere il numero 350.0532033 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivereAncona o cliccare su t.me/vivereancona
Seguici su Facebook e Twitter


Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-04-2024 alle 15:34 sul giornale del 22 aprile 2024 - 106 letture






qrcode