contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Falconara: su Esino Entrate il clima è ancora quello dell\'incertezza

2' di lettura
1200

Goffredo Brandoni
Resterà aperta oppure sarà chiusa la compartecipata che gestisce attualmente gli accertamenti e le riscossioni per il Comune? Argomento rinviato ai prossimi tempi e che ieri ha segnato in agenda un altro incontro interlocutorio tra il sindaco Goffredo Brandoni e i soci privati Maggioli e Andreani. 

Il primo cittadino falconarese ha affidato al gruppo di lavoro sul Bilancio, il compito di analizzare i conti della società: oltre all’assessore Marina Mancini e alla dirigente del settore Ghiandoni, ne fa parte anche un esperto inviato a Falconara da uno studio di consulenze economico-finanziarie di Alessandria.


Siamo ancora in fase di valutazione” si è limitato a dire Brandoni. Per attendere novità di rilievo la sensazione è che occorrerà attendere almeno fino a fine mese, quando le parti si incontreranno nuovamente. Il dilemma è sempre lo stesso: riportare il servizio all’interno del Comune o rinnovarlo alla Esino? Occorrerà il bilancino: se su un piatto pesa la scomparsa della voce Ici sulla prima casa e il possibile passaggio di competenza alla Provincia della Tarsu, sull’altro occorre mettere a confronto il potenziale di accertamento tra la società e il servizio interno. Senza contare che ancora non si conoscono i termini della riscossione provinciale della Tarsu. All’ordine del giorno di ieri la situazione degli aggi, i termini del contratto di servizio che lega il Comune alla Esino e la questione dell’Ici dall’Api (pontile, piattaforme e centrale Igcc).


Per quest’ultima voce la documentazione richiesta all’azienda e passata all’Agenzia delle Entrate è tornata di nuovo alla Esino per perfezionare la pratica. Un conteggio complicato che prende in considerazione i costi iniziali di realizzazione più l’incremento di valore negli anni.



Goffredo Brandoni

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-07-2008 alle 01:01 sul giornale del 05 luglio 2008 - 1200 letture