contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
articolo

Una bufala il sequestro lampo di domenica

2' di lettura
1162

bavaglio
Davanti ai genitori che avrebbero potuto chiedere lumi sull’ammanco in banca, si erano inventati tutta la storia del sequestro. Assume i contorni di una bolla di sapone estiva la vicenda dei due fidanzatini falconaresi che nei giorni scorsi avevano raccontato di essere stati avvicinati da tre individui che avevano caricato in auto lei, in nome di vecchio credito vantato nei confronti di lui.
Sempre secondo il racconto, lui preoccupato per le sorti della fidanzata, una falconarese di 21 anni, non avrebbe opposto resistenza: sarebbe immediatamente andato nella banca dove ha il conto corrente per prelevare la somma di 2000 euro in banconote da consegnare ai tre. Questa perlomeno è stata la storia raccontata ai genitori. Storia che ha impiegato pochissimo tempo a fare il giro di Falconara: un vicino di casa ne parla ad un conoscente davanti ad un caffè al bar, lo stesso la riporta al vicino d’ombrellone in spiaggia. La bugia che diventa gossip estivo e che rischia di trasformarsi in psicosi collettiva al grido di “non si vive più tranquilli”. Processo veloce quanto irrefrenabile. La verità, per fortuna, è tutta un’altra cosa.

Vero è che il passaggio di denaro tra il giovane e i tre è avvenuto. Ma le certezze finora si fermano qui. Resta da verificare tutto il resto. Ovvero, se i tre individui hanno veramente raggiunto Falconara dal meridione per una questione di soldi e se dopo averli presi hanno girato l’auto e sono tornati a casa. Assolutamente falso che i tre creditori per farsi consegnare il denaro erano arrivati ad architettare un sequestro di persona. Questa parte sembra essere il frutto della fantasia dei due giovani. Dalle forze dell’ordine per il momento c’è il massimo riserbo sull’intera faccenda.

Quel che è certo ad ora è che nulla di quanto è avvenuto ha a che vedere con un sequestro di persona. Sembra infatti che il giovane sia andato personalmente in banca con i tre mentre la sua fidanzata lo attendeva a casa. In seguito l’idea di inventare la storia del sequestro lampo. Senza prevedere minimamente l’effetto domino della chiacchiera che ne poi ne è derivato. Ed ora? Mentre si cerca di chiarire i dettagli non resta che tornare tranquilli sotto l’ombrellone.


bavaglio

Questo è un articolo pubblicato il 08-07-2008 alle 01:01 sul giornale del 08 luglio 2008 - 1162 letture