contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
articolo

Falconara: in carcere per lesioni i titolari del Barracuda

1' di lettura
1937

barracuda
Sono accusati di aver pestato i titolari dello stabilimento Barracuda e aspetteranno in carcere la data del processo che li vede imputati per lesioni aggravate in concorso.

Sono Onofrio Manno, di 39 anni, e suo figlio Paolo di 20, che da qualche mese gestiscono un bar del centro falconarese. Secondo la ricostruzione fatta dai militari agli ordini del tenente Matteo Demartis, gli arrestati si domenica pomeriggio si trovavano al Barracuda per pranzare. Ma una volta terminato il pasto, non ne hanno voluto sapere di pagare il conto. Così è iniziata l’aspra lite con Alessandro Bruno, il titolare dello stabilimento.


Dalle parole ai fatti. Manno senior ha stretto Bruno per il collo con un braccio mentre con l’altro gli mollava pugni in faccia. Manno junior ha invece preso una bottiglia di vetro ed ha ferito Bruno al collo. Un punto pericolosissimo se si pensa alla vicinanza della giugulare. Bruno, fortunatamente, se l’è cavata con qualche punto di sutura. Tra i feriti anche Rita Argentati, cotitolare del Barracuda ed una coppia di avventori. Manno junior, già arrestato lo scorso maggio per danneggiamenti ai danni dello stesso stabilimento e di alcune auto parcheggiate sulla Flaminia, durante le fasi convulse della rissa si è rivolto ad una ragazza con appellativi poco “eleganti”. Quando il fidanzato si è alzato per protestare è stato colpito.


Un pugno è arrivato anche alla sua compagna. Entrambi sono stati giudicati guaribili in cinque giorni. Padre e figlio hanno invece raccontato di essere scattati perché insultati per la loro origine siciliana. Il conto? 70 euro pagate come tante altre volte già successo.




barracuda

Questo è un articolo pubblicato il 22-07-2008 alle 01:01 sul giornale del 22 luglio 2008 - 1937 letture