contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA >

Operazione della Polizia contro il traffico di droga, arresti anche nelle Marche

2' di lettura
1226

cocaina

Conclusa alle prime ore di ieri un\'importante operazione antidroga condotta dalla squadra mobile della questura di Reggio Calabria, coadiuvata dalle squadre mobili di Milano, Roma, Ancona, Ascoli Piceno, Pesaro e Urbino, Bergamo, Genova, Varese, Lodi e Taranto e con il coordinamento del servizio centrale operativo della Direzione centrale anticrimine Polizia di Stato, che ha interessato numerose regioni italiane oltre a paesi dell\'area balcanica e sudamericani.

L\'esecuzione della corposa misura di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Reggio Calabria a carico di 49 rispettivi destinatari, di cui 13 cittadini di nazionalità peruviana, cilena, uruguayana, rumena, albanese e serbo-montenegrina, scaturisce dalle attività investigative condotte dalla sesta sezione narcotici della squadra mobile reggina partite nel 2006 e sviluppatasi fino al 2008. I reati contestati sono quelli d’associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti, acquisto, vendita, detenzione, trasporto e cessione illecita di cocaina oltre a ricettazione di metalli preziosi e gioielli.



Il personale della squadra mobile di Ancona ha eseguito due delle ordinanze di custodia cautelare nei confronti di due anconetani: C. F., 47enne, e S. B., 42enne, pregiudicati per reati specifici, componenti delle strutture decisionali ed operative delle articolazioni territoriali dell\'organizzazione criminale operanti in Calabria, Lombardia e nelle Marche, in particolare nelle province di Ancona, Ascoli Piceno e Pesaro.



L\'organizzazione aveva escogitato due modalità per nascondere ed introdurre lo stupefacente in Italia. La droga, di provenienza boliviana, era occultata all\'interno di pezzi di legno e viaggiava via nave all\'interno di containers. Lo stupefacente di provenienza peruviana e cilena, nascosto all\'interno di torroni e dolciumi sudamericani, era trasportato grazie a dei corrieri su treni passeggeri seguendo un itinerario che attraversava Spagna, Francia e Italia. La droga era nascosta all\'interno del torrone stesso. Trafficanti, pushers e gregari inseriti nell\'organizzazione utilizzavano per comunicare tra loro linguaggi criptici.



cocaina

Questo è un articolo pubblicato il 22-07-2009 alle 18:04 sul giornale del 22 luglio 2009 - 1226 letture