contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

Pdl: dopo soli tre mesi la maggioranza politica non c’è più

2' di lettura
1138

La votazione a scrutinio segreto di lunedì ha sancito in maniera palese che la maggioranza politica uscita soli tre mesi fa dalle urne e che esprime il Sindaco Gramillano, non esiste più.

Il modello centralistico e dirigistico di partito di questa sinistra logorata è finito. Una coalizione di sinistra sempre più divisa e incapace di rappresentare gli anconetani nell’odierna società. Infatti il voto sulle vicende che coinvolgono l’ Assessore Panzini è stato di una chiarezza tale da non lasciare alcun dubbio. L’ atto proposto da noi era estremamente impegnativo per la maggioranza e necessitava di un ampio consenso per superare indenne la prova.


Inoltre, la sfida lanciata dal Sindaco nel corso dei lavori, quando ha accettato la modalità di voto segreto, sostenendo lui stesso tale formula, sicuro di poter godere di una ampia maggioranza, è stata miseramente persa con tutte le conseguenze politiche che il risultato si porta dietro. Tra le altre cose nel dispositivo della mozione si chiedeva una assunzione di responsabilità nei confronti della Panzini e dopo il risultato di ieri sera, il suo dimissionamento sembrerebbe un atto scontato. Il condizionale è d’obbligo perché da questa Giunta e da questo Sindaco c’è da aspettarsi di tutto. In tre mesi un Assessore è stato dimissionato, la maggioranza è in crisi sulla spartizione delle poltrone, la città semplicemente non è governata: non sono in pratica state approvate delibere concrete per dare risposte alla città, il Consiglio comunale si riunisce solo per parlare di questioni politiche ovvero per fatti estranei alla gestione della cosa pubblica.


C’è veramente da chiedersi che cosa questa presunta coalizione va facendo tutto il giorno. Per senso di responsabilità, per pudore e per decenza politica Gramillano rifletta sul suo proseguo di questa esperienza, comprenda che avanti così non si può andare, che il tasso di litigiosità e di inesperienza della sua squadra e (ex) maggioranza è tale da non consentire il prolungamento della sua permanenza in carica, e prenda la più opportuna, salutare e ovvia delle decisioni, dichiarando fallita la Babele della coalizione che ,ha vinto sì le elezioni sommando i voti dei sette partiti, ma sempre più incapace e divisa a governare la città.


Giacomo Bugaro, Carlo Ciccioli, Francesco Bastianelli, Stefano Benvenuti, Gostoli Daniele, Berardinelli Luigi, Conte Marco, Gnocchini Luca, Piergiacomi Simone, Pizzi Vincenzo, Rossi Giovanni Zinni


Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-09-2009 alle 15:49 sul giornale del 30 settembre 2009 - 1138 letture