contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

La modifica dello Statuto di Ancona e l’acqua pubblica: un successo che viene da lontano

1' di lettura
939

acqua

Il gruppo consiliare dell’Italia dei Valori del Comune di Ancona considera un importante successo la modifica apportata all’art. 4 dello Statuto, che – combattendo il deleterio disegno voluto dal centrodestra nazionale – riconosce l’acqua come un diritto universale che, in quanto tale, va garantito a tutti.

E’ un risultato, quello raggiunto ieri in Consiglio Comunale, per il quale ci siamo battuti tenacemente e da tempo: giova infatti ricordare come sia stato proprio il Gruppo Consiliare dell’Italia dei Valori nel Comune di Ancona ad aver promosso e fatto approvare – tra i primissimi Comuni in Italia – la fondamentale mozione di indirizzo significativamente intitolata “Contro la privatizzazione – Per il mantenimento dell’acqua come bene pubblico”.



La mozione (primi firmatari: On.le David Favia, Andrea Filippini e Bruno Brandoni), definitivamente approvata nella seduta del Consiglio del 29 novembre 2009, oltre a chiedere il ritiro delle norme che privatizzano l’acqua, rimarcava altresì la volontà di esclusione del servizio idrico integrato dal novero dei servizi pubblici locali di rilevanza economica in quanto servizio pubblico essenziale per garantire l’accesso all’acqua e pari dignità umana per tutti. Particolare attenzione, infine, veniva data all’aspetto della tutela occupazionale, con l’esplicita richiesta ed impegno a “non cedere le quote di Multiservizi attualmente detenute dal Comune di Ancona e di far partecipare la medesima Azienda alla eventuale gara di affidamento affinché, vincendola, la gestione dell’acqua resti in mano pubblica”.



La battaglia per l’acqua pubblica condotta dall’IDV nel Comune di Ancona ha raggiunto un nuovo ed importante risultato.


I Consiglieri Daniele Tagliacozzo (Capogruppo)

Andrea Filippini

Bruno Brandoni

Daniele Micheli

Serenella Moroder

Aldo Pirani



acqua

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-03-2010 alle 19:06 sul giornale del 03 marzo 2010 - 939 letture