contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

Camerano: Rabini, 'Caos all'ufficio tecnico'

2' di lettura
869

popolo della liberta

Il Capogruppo di “Camerano Nuova” e Consigliere Provinciale Lorenzo Rabini interviene polemicamente su una questione che sta suscitando molto clamore all'interno del Palazzo Comunale, vale a dire la gestione delle pratiche e del lavoro inerente l'Ufficio Tecnico, Urbanistica e Lavori Pubblici.

“E' incredibile – attacca Rabini – al Palazzo Comunale è un via vai continuo tra i diversi piani, di pratiche dell'Ufficio Tecnico che passano da ufficio in ufficio , compresi appunti quei settori che non hanno mai seguito i procedimenti tecnici, ma che sono impegnati oggi al disbrigo di atti che per loro natura non sono appunto attinenti alle mansioni preposte originariamente e che fanno anche pensare e dubitare della correttezza stessa dell'iter dei procedimenti .” “Tanto per fare alcuni esempi – continua Rabini - le istruttorie relative alle richieste di certificati di idoneità alloggi sono appena passati dall'Ufficio Tecnico all'Ufficio Commercio (prot. 8029 del 12 novembre); le richieste di autorizzazione insegne, targhe, bacheche e dunque la posa di impianti pubblicitari dal 5 novembre sono passate dall'Ufficio Tecnico all'Ufficio Commercio e tante altre pratiche stanno passando dall'Ufficio Tecnico ad altri settori con grande perplessità ed imbarazzo di impiegati che si trovano a gestire ed istituire fascicoli di lavoro mai visti prima.”

“Questo – commenta ancora Rabini – è il chiaro segnale che dalla “burrasca” seguita all'arresto del Geometra Frontalini, la “struttura” non si e' piu' ripresa e ciò non tanto per le capacità tecniche dell'arch. Ludovico Caravaggi che oggi è il responsabile dell'Ufficio Tecnico e che sta facendo del proprio meglio, ma proprio per una pessima programmazione politica del settore se consideriamo che a Camerano non c'è un Ufficio Edilizia veramente efficace ed attivo sul territorio comunale anche per la prevenzione di lavori eseguiti in difformità rispetto ai progetti approvati (vedi caso Palazzo Ruschioni) e se valutiamo che ad oggi, c'è un solo dipendente che esegue manutenzioni ordinarie e straordinarie sia nelle strutture pubbliche che nelle aree comunali bisognose di interventi.”

“Questo caos – conclude Rabini – è una delle piu' evidenti dimostrazioni di come la maggioranza politica guidata dal Sindaco Carmine Di Giacomo sia assolutamente fuori rotta perche' non basta distribuire il lavoro per ottemperare al soddisfacimento delle pratiche, gli atti devono essere istruiti e seguiti dagli uffici competenti, e forse proprio da questa storia possiamo ancor più capire che se di incompetenza vogliamo parlare, è proprio riferita a quella con la quale è gestita l'Amministrazione Comunale dagli attuali esponenti della Giunta Comuale.”



popolo della liberta

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-11-2010 alle 17:26 sul giornale del 18 novembre 2010 - 869 letture