contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
articolo

Blocco del traffico, pronto il documento: ad Ancona si parte da gennaio

2' di lettura
2546

Accordo raggiunto tra Regione, Province e Comuni sul piano contro le polveri sottili. Ad Ancona si partirà da gennaio. L’assessore Diego Franzoni: “Il documento tiene conto delle nostre richieste, ma per il traporto pubblico si poteva fare di più”.
 

Stop al traffico delle auto con motore senza filtro antiparticolato, limiti alle emissioni di Co2 per il settore industriale e commerciale e restrizioni per gli impianti termici di edifici pubblici e privati. La Regione trova la quadra con Upi ed Anci sul piano per l’abbattimento delle emissioni di p.m. 10. Ora toccherà ai Comuni applicare le normative previste dall’accordo di programma che sarà stipulato a breve tra le varie parti. E ad Ancona, con ogni probabilità, si partirà a gennaio.

“Inizieremo le consultazioni con i Comuni limitrofi, dovremo ragionare con attenzione sulle zone di delimitazione. E speriamo che la Regione quantifichi il cofinanziamento previsto per l’attuazione di questa attività straordinaria che dovremo mettere in campo”. Diego Franzoni, assessore all’Ambiente del Comune di Ancona, commenta così il documento stipulato. “Bene l’accordo raggiunto – dice Franzoni – Sembra tener conto delle richieste che abbiamo avanzato all’assessore regionale Donati in sede di consultazione”.

L’unico “neo”, secondo Franzoni, si registra alla voce “trasporto pubblico”. “Si poteva fare di più, forse. Quando si parla di stop al traffico, occorre incentivare il trasporto pubblico, che consentirebbe una riduzione di emissione di polveri sottili. La Conerobus ha almeno un centinaio di veicoli vecchio modello, mentre con una politica di incentivi sarebbe possibili sostituirli con altri più nuovi e meno inquinanti”.

Sulle zone di delimitazione, invece, nessuna certezza. Sarà l’assessorato alla Viabilità ed ai Trasporti, insieme ai tecnici comunali, a dover studiare la logistica e la mappa dello stop al traffico.



Questo è un articolo pubblicato il 18-11-2010 alle 19:29 sul giornale del 19 novembre 2010 - 2546 letture