contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
articolo

Rifiuti, Franzoni: 'Differenziata da estendere alle frazioni, serve sforzo corale'

2' di lettura
778

AnconAmbiente e Confartigianato Ancona insieme per la “Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti”. Promossa una campagna di informazione in concomitanza con l’evento Choco Marche. La spa dei rifiuti fissa poi i prossimi traguardi per la differenziata: il 60% nel 2011 ed il 65% per l’anno successivo.
 

Terminerà domenica 28 novembre la “Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti”, ed AnconAmbiente ha deciso di promuovere un’iniziativa per sensibilizzare i cittadini sulle problematiche relative alla plastica. In occasione di Choco Marche, infatti, per ogni 10 euro di spesa presso i 29 maestri cioccolatai sarà possibile ricevere una borsa di stoffa. Si tratta di una campagna di informazione che AnconAmbiente ha deciso di mettere in campo in quanto, come spiega il presidente Gianni Giaccaglia, “l’Italia è maglia nera per quanto riguarda l’uso della plastica”. Secondo una ricerca europea, infatti, “nel nostro Paese ogni cittadino utilizza quasi una busta di plastica al giorno”.

Di qui, la decisione della spa dei rifiuti di progettare “una campagna di comunicazione per incentivare la raccolta differenziata su tutto il territorio comunale”. I dati presentati da AnconAmbiente, in effetti, parlano chiaro: se nel 2008 la percentuale di differenziata si attestava al 25,3% della raccolta totale, per arrivare al 39,9 dello scorso anno, ad ottobre 2010 la percentuale si arresta al 49,6%.

“Occorre lavorare insieme ai cittadini per arrivare insieme ai traguardi prefissati”, dice l’assessore all’Ambiente Diego Franzoni. Entro la fine dell’anno, infatti, la differenziata dovrà arrivare al 50,5%, nell’ottica del 60% del prossimo anno, fino al 65% per il 2012. “Il trend non è in crescita, c'è stato un assestamento – commenta ancora Franzoni – per questo dovremo fare uno sforzo corale importante per arrivare ai risultati prefissati”. Anzitutto, dice l’assessore, “sensibilizzando i cittadini”. Poi, estendendo la raccolta porta a porta su tutto il territorio comunale, al momento “scoperto” per un 11% totale. Senza tralasciare la zona di Portonovo nel periodo estivo, per quanto riguarda i rifiuti organici, e le altre frazioni.





Questo è un articolo pubblicato il 25-11-2010 alle 17:32 sul giornale del 26 novembre 2010 - 778 letture