contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

Falconara: parcheggio Kennedy, i dubbi di Cittadini in Comune

3' di lettura
1227

cittadini in comune

Cittadini in Comune non è pregiudizialmente contraria alla realizzazione di posti auto nella porzione del parco Kennedy a ridosso del ponte di via della Repubblica, né alla relativa sistemazione di via Trento quale vialetto di accesso alla spiaggia.

Il punto è che la inspiegabile fretta dell’Amministrazione Brandoni non ha permesso né di poter proporre modifiche e/o alternative né di verificare con i cittadini l’ipotesi e la domanda effettiva di posti auto prima della stesura dello Studio di Fattibilità della Asset srl di Roma pervenuta appena il 21/12. Se Cittadini in Comune fosse stata messa in condizione di fare una proposta, avrebbe detto che:

* La ricerca di mercato evidenzia come la richiesta di parcheggi a rotazione si concentri in due mesi e mezzo estivi.

* Dalla premessa precedente se ne deduce la necessità di aumentare un centinaio di posti auto a rotazione a servizio del periodo estivo e dei periodi natalizi/festivi. Come? Il modo più semplice sarebbe con la realizzazione di un centinaio di box auto pertinenziali da parte di una impresa - individuata con gara ad evidenza pubblica - la quale avrebbe avuto il ritorno economico dalla vendita garantendo, nel contempo, il restyling del Parco pubblico stesso e di via Trento.

* Al Comune, quei box pertinenziali, avrebbero dato due possibilità: o utilizzare lo spazio liberato in strada per pedonalizzare oppure, specularmente, avere a disposizione 100 posti auto in più su strada con relativi incassi dai parcometri.

* Il tutto senza necessità delle complicazioni del multipiano: si poteva optare per un parcheggio fuoriterra.

I dubbi che abbiamo espresso nel corso del Consiglio Comunale del 28/12 riguardano due punti non trascurabili del progetto dell’Amministrazione Comunale.

Primo punto: la soluzione prospettata “privatizza” uno degli ultimi campetti di gioco dove i ragazzi possono andare a giocare a pallone. Non ci sembra davvero una buona scelta.

Secondo punto: l’intera operazione “si sostiene economicamente soltanto con la gestione complessiva dei parcheggi di tutta Falconara M.ma .” ceduta alla Ditta che realizzerà l’opera.

Intanto la trasparenza e la legalità: la gestione dei parcheggi deve essere messa - per legge - a gara ad evidenza pubblica dove vince l’appalto la Ditta che chiede il minore aggio rispetto alla gestione complessiva. Nel caso previsto dal progetto del Comune non ci sarà nessuna gara in quanto alla Ditta costruttrice del parcheggio verrà assegnato “in automatico” la gestione del parcheggio. Due cose completamente distinte che non si possono confondere e mescolare a piacimento!

Poi l’aspetto puramente economico: dall’Allegato Tecnico - Economico si evince che, rispetto alla situazione attuale, il gestore di tutti i parcheggi di Falconara vedrà immediatamente riconosciuta la sua percentuale al 20% (l’aggio) con un aumento dell’1,06% rispetto a quello attuale (18,94%) percepito dall’attuale gestore AIPA. Complessivamente oltre 113.000 Euro/anno, circa 6.000 € all’anno in più dell’attuale. Chi ce li metterà il Comune di tasca propria o pagheranno gli automobilisti? Ma è proprio dalla variabile del costo orario del parcheggio che si intuisce che se qualcosa non funzionerà nei ritorni economici, l’unico modo che avrà la Ditta costruttrice/gestore di tutti i parcheggi a Falconara sarà quello di aumentare le tariffe dei parcheggi!...Per la felicità di cittadini e commercianti.



cittadini in comune

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-12-2010 alle 17:19 sul giornale del 31 dicembre 2010 - 1227 letture