Ecosistema Scuola, la fotografia dell'edilizia scolastica: al via la XI edizione

legambiente 2' di lettura Ancona 01/03/2011 -

E' stata scattata la fotografia delle strutture scolastiche del Paese attraverso l'XI edizione di Ecosistema Scuola, la ricerca annuale di Legambiente sulla qualità delle strutture e dei servizi di tutti gli ordini di scuola (della scuola dell'infanzia, primaria e secondaria di primo e secondo grado) realizzata nelle città capoluogo di provincia.



L'11,54% degli edifici marchigiani ha bisogno di un intervento di manutenzione urgente mentre, negli ultimi 5 anni il 74,84% delle strutture scolastiche ha goduto di manutenzione straordinaria per una media di quasi 14.000 euro ad edificio e 4.274 euro a struttura per gli interventi di ordinaria manutenzione. Ancora pochi gli edifici marchigiani che hanno tutte le certificazioni in regola. L'amianto e il rischio sismico si rivelano le maggiori minacce per gli istituti marchigiani. Il 75% dei comuni che ha effettuato monitoraggi negli edifici ha rilevato la presenza di amianto nelle strutture scolastiche, mentre l'83,87% delle scuole ha dichiarato che la propria struttura ricade in una zona a rischio sismico.

Ben avviate in molte scuole le buone pratiche per il rispetto dell'ambiente. Buona la percentuale di raccolta differenziata nelle scuole marchigiane, il 91,61% differenzia la carta e l'88,39% raccoglie la plastica. Il 32% degli edifici utilizza fonti d'illuminazione a basso consumo, però solo il 5,84% delle strutture si alimenta con energia rinnovabile. Il 69% delle scuole mette a disposizione un servizio di scuolabus e tutti i comuni dichiarano di finanziare progetti educativi. Poche, invece, le scuole che hanno predisposto e attrezzato un percorso per il piedibus, il 7% circa. Nelle mense vengono serviti pasti biologici in quasi il 95% dei casi, mentre pasti interamente bio vengono somministrati solo nell'11,38% dei casi.

"La sicurezza della struttura degli edifici scolastici, il loro impatto ecosostenibile sull'ambiente esterno, le buone pratiche volte a tutelare la salute delle persone che vi lavorano e studiano, sono elementi fondamentali per una scuola di qualità, come del resto la presenza di docenti preparati e di una programmazione didattica seria e funzionale, se vogliamo che la scuola assolva al ruolo di primaria agenzia educativa e culturale per lo sviluppo del Paese e per l'assolvimento del dettato Costituzionale - commenta Bruna Bernardini, responsabile di Scuola e Formazione di Legambiente Marche -. Non è possibile conseguire questi risultati se le risorse complessive che le amministrazioni locali ricevono vengono tagliate e se la spesa per la scuola viene considerata una spesa improduttiva; non è possibile se non viene pubblicata l'anagrafe delle scuole italiane, se non vengono definite le competenze degli enti, se non si promuovono dei Patti Territoriali".

Il dossier è disponibile al sito http://risorse.legambiente.it/docs/ECOSISTEMA_SCUOLA_2011_-_DEF-1.0000002328.pdf






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-03-2011 alle 16:39 sul giornale del 02 marzo 2011 - 957 letture

In questo articolo si parla di attualità, legambiente, Ecosistema Scuola

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/hVC





logoEV