Bugaro conferma le dimissioni: 'Il Pdl ha bisogno di un nuovo equilibrio'

giacomo bugaro 2' di lettura Ancona 30/03/2011 -

Bugaro ribadisce il suo addio dal coordinamento provinciale del Pdl. Domani a Roma incontro con il coordinatore nazionale Verdini: parteciperà anche l’on. Carlo Ciccioli.
 



“Vado a Roma con serenità e forte delle mie ragioni”. Giacomo Bugaro si trova in treno quando risponde per commentare le sue dimissioni dal coordinamento provinciale del Pdl in seguito alla diatriba lauretana. Tutto inizia infatti dal Comune di Loreto, chiamato tra un mese alle urne per le elezioni amministrative. Bugaro non avrebbe infatti digerito la candidatura di Cecilia Tombolini, supportata da una lista civica e “sponsorizzata” dall’on. Carlo Ciccioli, in contrasto con il candidato sindaco del Pdl, Emiliano Pigliacampo.

Di qui la frattura dei vertici provinciali del partito, con Bugaro che rassegna le sue dimissioni seguito da altri venti esponenti del direttivo. Dimissioni a quanto pare irrevocabili, nonostante la richiesta di un ripensamento pervenuta da numerosi esponenti marchigiani del Pdl. “Sto andando nella capitale perché molti politici nazionali e ministri hanno chiesto di vedermi – dice Bugaro – Domani (oggi per chi legge, ndr) mi vedrò con il coordinatore nazionale Dennis Verdini e gli spiegherò le mie ragioni: il fatto che in tanti abbiano deciso di seguirmi è la prova che le mie dimissioni non sono un’alzata di ingegno, ma la prova che il Pdl ha bisogno di un riequilibrio”.

Il “caso Ancona” verrà quindi trattato nel corso della direzione nazionale del Pdl di domani. E parteciperà all’incontro anche l’on. Ciccioli, che però precisa: “Verdini mi ha chiesto di partecipare, e non ho alcuna difficoltà a farlo. Avevo già dato la mia disponibilità a Casoli ed a Ceroni, che mi avevano invitato già lo scorso sabato. Sono disposto a parlare di politica ed a discutere su tutto, ma non accetto imposizioni da parte di Bugaro”.

La dimissioni di Bugaro dal coordinamento provinciale del partito potrebbero però avere una conseguenza ben più clamorosa: secondo voci di corridoio, infatti, l’attuale vicepresidente del Consiglio regionale potrebbe addirittura decidere di andarsene dal Pdl, ma il diretto interessato smentisce: “Considero il vincolo con gli elettori una cosa seria, e non ho mai pensato di lasciare il Popolo della Libertà”.






Questo è un articolo pubblicato il 30-03-2011 alle 17:11 sul giornale del 31 marzo 2011 - 1123 letture

In questo articolo si parla di carlo ciccioli, politica, giacomo bugaro, pdl, emanuele barletta, pdl ancona, pdl marche, Denis Verdini, dimissioni bugaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/i4A





logoEV