contatore accessi free

'InAutoInsieme', la Regione aderisce al progetto sperimentale di carpooling

Luigi Viventi 2' di lettura Ancona 04/08/2011 -

Decongestionare il traffico privato e ridurre l’inquinamento da polveri sottili nel centro di Ancona. È l’obiettivo di un progetto di carpooling (auto condivisa) che interesserà il capoluogo regionale a partire dai prossimi mesi.



Regione Marche, Provincia e Comune di Ancona, Società M&P Mobilità & Parcheggi hanno sottoscritto un Protocollo d’intesa per l’avvio di un’iniziativa sperimentale della durata di un anno. I dipendenti pubblici degli enti coinvolti (e degli altri che vorranno aderire, sia pendolari, sia residenti nelle frazioni del capoluogo) beneficeranno di agevolazioni se attiveranno un uso collettivo (almeno tre persone a bordo) delle autovetture per raggiungere il luogo di lavoro ubicato nel centro di Ancona. L’accordo sottoscritto estende la sperimentazione “InAutoInsieme”, avviata nel 2010, dalla Provincia di Ancona, che sta riguardando la zona circostante la sede provinciale di Via Ruggeri (Baraccola), ampliando la ricaduta al centro della città e agli uffici della Regione delle Vie Tiziano e Gentile da Fabriano.

Nell’ottica dell’impegno della Regione favore della mobilità sostenibile, un gruppo di lavoro interno della PF “Gestione del trasporto”, ha promosso diversi progetti per razionalizzare gli spostamenti dei dipendenti e favorire mezzi di trasporto collettivo. Ha anche curato la diffusione di un questionario dedicato, al quale hanno già risposto oltre trecento dipendenti della Regione Marche, che hanno manifestato la volontà di valutare l’adesione al carpooling.

“La diminuzione dei veicoli circolanti, aggiungendo più passeggeri al conducente, comporta diversi vantaggi sia per pubblico che per il privato – afferma l’assessore ai Trasporti, Luigi Viventi, che ha firmato il Protocollo per la Regione – I benefici riguardano la riduzione dell’inquinamento e la diminuzione dei costi di trasporto per gli stessi dipendenti. Obiettivo della Regione è quello di contribuire a migliorare la qualità ambientale, partendo dalla promozione di comportamenti corretti delle singole persone alle quali vengono riconosciuti agevolazioni e incentivi”.

L’accordo prevede, fra l’altro, il rilascio di buoni carburante per i tragitti percorsi in regime di carpooling, (con equipaggio composta da almeno tre persone), la possibilità di usufruire di parcheggi riservati, incentivi per l’acquisto o trasformazione delle autovetture a GPL o metano (sempre per un utilizzo del mezzo in regime di carpooling), la disponibilità di bici elettriche per il movimento urbano.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-08-2011 alle 16:04 sul giornale del 05 agosto 2011 - 936 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, luigi viventi, carpooling

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/n9v





logoEV
logoEV