contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

Falconara: Sansò (Dc), 'Il sindaco vorrebbe mettere il silenziatore a due campane storiche'

2' di lettura
508

Democrazia Cristiana Marche

Il Sindaco Brandoni vuole il silenzio delle campane della torre civica del Borgo e della Chiesa di Don Mario di Falconara Alta: sono troppo “chiassose”, disturbano, per cui a queste “campane secolari”, bisogna mettere loro il silenziatore.

Non è una barzelletta è una realtà che lascia sgomenti. La storia ricorda che nei secoli scorsi, quando i corsari barbareschi imperversavano lungo le coste dei nostri mari, compiendo stragi e mettendo tutto a ferro e fuoco ,”osservavano” un particolare impegno nel bruciare le chiese e le immagini sacre, accanendosi soprattutto nelle distruzione delle “campane” ( ci si domanda perché ai mussulmani le nostre campane non sono mai piaciute- forse, le consideravano un concorrente del “muezzin “ …). I secoli sono passati, i “muezzin" a Falconara non ci sono, ma ora tornano in auge prese di posizione irrazionali che violentano il buon senso, che uccidono tradizioni e ricordi : i rintocchi delle campane del Borgo, evocano nostalgie e speranze che ora debbono andare perse e quindi spegnersi per via di padiglioni auricolari oltremodo delicati.

E’ proprio vero che tutto fa “audience” , che “tutto fa spettacolo”, che tutto serve per “questioni di ’immagine”, ma come non prendere in considerazione quanto “proposto” dal Sindaco Brandoni e non rimanere esterrefatti da un comportamento così contraddittorio del Primo cittadino che prima partecipa al Consiglio Comunale c/o i locali della chiesa di S.Maria della Misericordia in quel di Castelferretti, evocando il valore storico,artistico degli affreschi della chiesetta, e poi si ritiene sostenitore ed assertore del “bavaglio coatto” alle campane della chiesa di Don Mario? Forse i Ns Sindaco Brandoni dovrebbe accendere un grosso cero e porgere le scuse a S. Maria della Misericordia per aver “ umiliato il simbolo delle campane”, per voler far tacere la loro voce, il loro suono, per declassare e annichilire i valori della cristianità nel mondo e poi…dopo le penitenze assolte “ farsi benedire “ Spegnere l’orologio della Torre, emblema del Borgo, sarebbe come abbattere “il tempo”, dimenticare il richiamo delle ore che fuggono in un ambito urbano “ovattato dal silenzio": la campana della Torre non disturba e non infastidisce, ma richiama il disattento alla vita al trascorrere del tempo.

Forse sarebbe opportuno che il Sindaco dedicasse maggior attenzione a problematiche serie, a discutere argomenti delicati che a Falconara non mancano e che oggi restano ancora insuperati nel “frastuono del silenzio” e alla fine poi ponesse meno attenzione a “voci “ e/o meglio “ a campane stonate” a lui vicine che suonano senza spartito.



Democrazia Cristiana Marche

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-10-2011 alle 10:41 sul giornale del 31 ottobre 2011 - 508 letture