contatore accessi free

Arriva la solidarietà all'associazione sportiva Assata Shakur dichiarata 'terroristica', ma è solo il nome

calcio 2' di lettura Ancona 04/11/2011 -

Arriva la solidarietà per la vicenda che ha coinvolto questi giorni l'associazione polisportiva e antirazzista 'Assata Shakur' che da tempo è attiva nel territorio anconetano. Ecco due testimonianze che ci sono pervenute: la prima da parte dell'ambasciata dei diritti e la seconda dalla politica, Il PdCI. Il tribunale di Ancona avrebbe deciso, infatti, che se società non cambierà nome, non potrà continuare la sua attività ed in particolare dice 'no' al Campionato di calcio di 3 categoria.



Un no secco quello del Tribunale dorico, dovuto al fatto che la suddetta società prende il nome della nativa newyorkese, ma originaria dell'africa Assata Shakur. Donna che è stata definita dal tribunale come 'terrorista' poichè attivista arrestata con l'accusa di aver assassinato un poliziotto (ndr) e ,dopo essere evasa nel 1979, si trova ora in asilo politico a Cuba.

Il provvedimento sarebbe stato preso dalla Figc, dopo che la Questura gli avrebbe segnalato chi era Assata Shakur. La Questura avrebbe preso questo provvedimento, dopo alcuni controlli, ed in particolare dopo che il fondatore, Alessio Abram, era stato arrestato e poco dopo scarcerato perchè era presente alla partita della sua squadra, nonostante il Daspo ovvero il divieto di assistere alle manifestazioni sportive.

Un blog che al momento rimane sospeso, quello della polisportiva, segno di protesta e di riflessione allo stesso tempo. La testimonianza di una frase di Martin Luther King riportata fa ancora pensare allo spirito che animava la società ovvero quello antirazzista: "Abbiamo imparato a volare come gli uccelli, a nuotare come i pesci, ma non abbiamo imparato l'arte di vivere come fratelli."Ma soprattutto il fine, quello di educare con lo sport. Ma soprattutto 10 anni di attività consolidata nel tempo nel capoluogo dorico.

Ciò a dire che ideali, scopi sani e fiducia nel tempo non bastano. Ora la società rimane sospesa fino a quando non si sa. Sta di fatto che Assata Shakur, l'associazione sportiva s'intende, secondo l' Anticrimine della questura di Ancona, sarebbe una una terrorista e questo basta. Ora si dovrà pensare ad un'altro nome se non vorrà chiudere i battenti.






Questo è un articolo pubblicato il 04-11-2011 alle 11:25 sul giornale del 05 novembre 2011 - 772 letture

In questo articolo si parla di cronaca, calcio, laura rotoloni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/rdi





logoEV
logoEV