contatore accessi free

Falconara: Rossi (UGL), cementiamo anche i parchi

Lina Rossi 1' di lettura 09/11/2011 -

Questa la scelta della giunta Brandoni per Falconara, in un momento tragico dove l'ambiente mostra, in maniera impietosa, il conto per la dissoluta gestione del territorio, Falconara decide di elimianare un'area adibita a Parco, derogando tutte le logiche ambientali a favore degli introiti economici derivanti dalla costruzione e vendita di immobili che potrebbero essere realizzati al posto del Parco in prossimità di Via Friuli.



Ma i cittadini devono sapere, e forse anche Brandoni lo dovrebbe sapere, che tale area è considerata dal PAI (Piano Assetto Idrologico delle Marche, come pericolosa in quanto a grave rischio di frane, per importanti problemi idrogeologici.

L'UGL si chiede se questo programma di cementificazione sia stato corredato da valutazioni idrogeologiche e i cittadini siano stati avvisati del rischio che corrono.

Chiede pertanto che gli enti preposti al controllo del territorio, quindi non solo il Comune, ma anche la Provincia e la Regione, si facciano carico, se lo ritengono opportuno di garantire la sicurezza del territorio stesso e mettano nero su bianco il loro impegno nei confronti dei cittadini e dei singoli, di garanzia ambientale ed economica in caso di disastro.

La nostra zona infatti non è nuova ad episodi di esondazioni, frane (1983), terremoti (1972) e non ultime alluvioni (1959). Auspicapertanto che questa sindrome di follia, abbandoni i nostri amministratori






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-11-2011 alle 01:01 sul giornale del 09 novembre 2011 - 907 letture

In questo articolo si parla di sanità, politica, falconara marittima, parchi, Lina Rossi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/rql





logoEV
logoEV