contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Cic: Brandoni e responsabili alluvione Castelferretti, 'Can che abbaia...'

2' di lettura
717

cittadini in comune

Mentre il Sindaco Brandoni metteva in atto una dei sui raid polizieschi prendendosela con chi coltiva gli orti a margine del fosso che corre a fianco dell’aeroporto, per far valere l’ordinanza emessa al fine di limitare il rischio derivante dalle possibili esondazioni, il Comitato alluvionati di Castelferretti faceva vedere in pubblico un video della durata di un’ora che documentava, sempre in merito ai fossi, tutta un’altra realtà ed un altro livello di responsabilità che devono essere sicuramente sfuggite al solerte sindaco.

Sotto gli orti abusivi, che senza dubbio lì non dovrebbero essere, il sindaco non si è accorto che il fosso è completamente intasato da depositi di terra e soprattutto da una fitta vegetazione che impedisce il naturale deflusso delle acque.

Non si è accorto, che il fosso dello Zocco, a Castelferretti, anzichè evacuare l’acqua sul Cannetacci, la fa entrare, in caso di piena, inondando l’abitato. Non si è accorto che i lavori di manutenzione che la Provincia dice di aver effettuato proprio non si vedono . Non si è accorto che tutti i fossi che passano sotto la Raffineria Api di Falconara sono sottodimensionati ed inadatti a sostenere la benchè minima piena.

Non si è accorto o accorgendosene ha preferito guardare altrove. E’ molto più facile abbaiare a chi è debole, al povero cristo, e far risuonare il proprio verso tramite i giornali, anche se questo non cambia nulla nella sostanza, anzichè rivolgersi contro i veri responsabili. Contro quelli non basta abbaiare, occorre mordere. Ma per mordere occorre avere denti buoni, avere coraggio e soprattutto essere liberi. Perchè, come dice un altro detto popolare: il cane non morde mai la mano di chi gli da da mangiare…



cittadini in comune

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-11-2011 alle 12:10 sul giornale del 17 novembre 2011 - 717 letture