contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

Falconara: Sansò (Dc), 'Ferie coatte per le campane della torre civica'

3' di lettura
963

Democrazia Cristiana Marche

Nel mese di Agosto u.s alcune famiglie del Borgo di Falconara Alta avevano consegnato al Sindaco Brandoni una petizione per chiedere il “ silenzio” della campane della torre civica e della Chiesa ,dirimpetto alla torre civica che “disturbavano il “sonno” dei residenti.

L’Arpam sentita nel merito, previa accurata indagine, rilevati i decibel ha sentenziato che le campane della torre e della Chiesa rientrano nei limite dei decibel consentiti. La diatriba tra le trentasei famiglie schierate contro le campane e la petizione promossa da Don Mario Monina firmatari ben 227 nostalgici residenti ha richiesto l’intervento della “Giunta comunale” che, indirizzata dal Sindaco Brandoni, ha pensato bene di “distaccare le campane dell’orologio della torre del Castello” e porle “in ferie coatte dal primo Luglio al trenta Agosto” accogliendo così le motivazioni di pochi contro l’appello di molti. Si era detto : “ non spegnete quei rintocchi”, “ non fate tacere la torre civica” , “sarebbe un peccato spegnere l’orologio” e ancora “ la torre civica c’è sempre stata”, “le campane a me non danno fastidio” la Sig,ra Ivella Mastri così come la Sig.ra Attilia Mattioli e dello stesso parere la Sig.ra Rosi Scudiero “ ritengo che l’orologio non vada spento “. Orbene, il suono delle campane del Borgo evocano ricordi, speranze, nostalgie ed ora, dopo oltre un secolo “POCHI” ottengono il benestare del Sindaco e della Giunta per far tacere la “torre civica” ed aprono una “guerra” alle campane e ai residenti nostalgici: è una patata bollente rimessa nelle mani del “governo cittadino” che finirà per scottare colui che si è adoperato per “spegnere il loro suono”.

Se la storia non ci inganna nei secoli scorsi, quando i corsari barbareschi imperversavano anche su queste nostre coste, compiendo stragi emettendo tutto a ferro e fuoco, avevano una predisposizione, un particolar impegno nel bruciare le chiese e le immagini sacre, accanendosi soprattutto nella distruzione della campane: ai mussulmani le nostre campane non sono mai piaciute, il loro suono li “disturbava nel profondo” forse perché le consideravano e le considerano tuttora “un concorrente del muezzin ……” ed ogni altro commento è puramente superfluo. Ciò che emerge è l’ipocrisia della politica attuale che offre materia quotidiana di preoccupazione non solo a causa dell’aggressività “soffusa” ma esistente con cui consolida ed estende “interessi personali di pochi” contro legittime, consolidate aspirazioni di molti :modus operandi che stravolge il vero aspetto della democrazia.

In Giunta si è calpestata la liberaldemocrazia ed adottato il “totalitarismo” : la dialettica, le varie posizioni di pensiero, i diversi modi di intendere le problematiche emergenti dalla vita quotidiana vengono bistrattati e avviliti dall’arroganza del potere. La liberaldemocrazia interpretata e promossa dal centrodestra falconarese, amalgama di Forza Italia e AN, cellula del berlusconismo, ha perso il senso dei suoi limiti, trasformandosi in un altro, nuovo, ennesimo, pericoloso, insidioso veleno: il “totalitarismo” che emerge, come si è visto, anche nella trattazione di “ piccole cose”.

Una ideologia in fase di ennesima trasformazione divenuta subdola, sottile, sostenuta da tanta retorica , da slogan alimentati da ermeneuti, chierici battezzati ecc.ecc. Crediamo nel pluralismo, nella tolleranza in senso lato, nella libertà individuale, condividiamo i principii che hanno una valenza universale perché affondano le radici nel diritto naturale, nell’illuminismo. A loro Signori che sono al “governo della città” che siedono in Giunta diciamo loro che difendere questi principii significa salvaguardare la nostra società ,significa dimostrare di apprezzare e sostenere questi valori inalienabili con coraggio, dignità e determinazione politica ,ma a quanto pare “ le campane della Torre Civica” hanno ultimamente “battuto dei rintocchi” che hanno un significato assai poco buono.



Democrazia Cristiana Marche

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-02-2012 alle 23:51 sul giornale del 02 febbraio 2012 - 963 letture