Speciale (Udc): giù le mani da Colle Ameno

1' di lettura Ancona 01/03/2012 - L’Assessore Biekar nell’illustrare gli effetti della modifica legislativa che riguarda l’applicazione dell’IMU agli immobili di proprietà della Chiesa, fa riferimento alla struttura di Colle Ameno, come un luogo “vuoto e disabitato”.

Ricordo all’Assessore Biekar che la struttura di Colle Ameno è utilizzata dalla Diocesi, è sempre stata ed è a disposizione di Enti ed Associazioni, che lì organizzano incontri ed altre attività, tutte rigorosamente prive di scopo di lucro. Mi risulta peraltro che ai fini del pieno utilizzo della struttura si fosse in attesa di una autorizzazione, rilasciata soltanto la scorsa settimana.

In definitiva, la struttura di Colle Ameno non è né vuota né disabitata e la stessa non potrà essere sottoposta all’IMU se non in relazione alla parte che eventualmente in futuro dovesse essere utilizzata per attività “commerciale” ed a condizione che una tal parte ci sia.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-03-2012 alle 23:29 sul giornale del 02 marzo 2012 - 3252 letture

In questo articolo si parla di udc, politica, andrea speciale, colle ameno

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/vXy





logoEV
logoEV