contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

Falconara: Federici (Pd) a Brandoni 'Nubifragio ed allagamenti...I buoi sono già scappati'

3' di lettura
1076

Franco Federici Segretario Pd Falconara
Il nubifragio dei giorni scorsi a Falconara, che ha causato allagamenti e conseguenti danni a cittadini ed attività produttive dislocati in alcune zone critiche della città, non è certamente una novità.

Il Sindaco Brandoni, come è sua prassi, cerca di affrontare un problema così delicato con i soliti comunicati stampa ed una mobilitazione della struttura comunale quando i buoi sono già scappati o spostando il tiro su altri soggetti senza raccontare la verità dei fatti. Il problema degli allagamenti in alcune parti ben individuate della città è stato approfondito fin dal 2003, con la definizione nel 2005 da parte della Società Multiservizi, gestore del servizio idrico integrato, di un progetto per il “miglioramento della rete fognaria di Falconara” con un costo di 8 milioni di Euro. I punti critici individuati, che sono sempre quelli che ancor oggi creano disagi in caso di nubifragi, dovevano essere risolti con la realizzazione di vasche di accumulo di prima pioggia posizionate: una a monte dell’impianto di depurazione, una in zona CIAF in Via dell’Artigianato e tre lungo il litorale (una a Palombina V., una in zona Falconara Centro tra Via Caprera e Via Cavour, e un’altra in zona Falconara Nord tra Via Cavour e l’API).

Le acque stoccate di prima pioggia dovranno poi essere convogliate al depuratore per essere trattate. Trattandosi di inconvenienti dovuti alle acque meteoriche, la competenza istituzionale sarebbe del Comune. Avendo però Falconara una fognatura mista (reflui e acque piovane), si trovò nel 2005 un accordo che prevedeva la copertura di metà finanziamento da parte del Comune e di metà da parte della Multiservizi. In tale ottica l’Amministrazione comunale di allora avviò una pratica di finanziamento presso il Ministero dell’Ambiente, che accolse la richiesta nella riunione della conferenza dei servizi del gennaio 2006, con alcune prescrizioni. Mentre Multiservizi, per la parte di propria competenza, ha già provveduto a finanziare e realizzare un primo stralcio dei lavori con le vasche di Palombina per un importo di 1,8 milioni di € (rimangono da fare gli allacci, sospesi per la stagione estiva) ed aveva previsto nel piano degli investimenti dell’anno scorso, un secondo stralcio dei lavori nel triennio 2013-2016, il Comune è rimasto al palo.

La pratica di finanziamento di competenza del Comune si è arenata al Ministero dell’Ambiente nel periodo di reggenza del Ministro Prestigiacomo, sodale del partito di Brandoni, che non è riuscito a portare in porto tale finanziamento già programmato e promesso, o in alternativa a trovare un’altro canale di finanziamento. In conclusione il Sindaco Brandoni anziché divagare scrivendo a Multiservizi, dimenticandosi di aver un proprio rappresentante nel Consiglio di Amministrazione della società, dimostri alla città di aver fatto, nel merito, la propria parte per portare a casa la metà del finanziamento necessario per realizzare tutti gli interventi previsti, gli unici in grado di risolvere il problema degli allagamenti in occasione di nubifragi. Tutto il resto è demagogia e propaganda di un Sindaco inconcludente ed inadeguato a risolvere le criticità di Falconara.



Franco Federici Segretario Pd Falconara

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-09-2012 alle 15:53 sul giornale del 10 settembre 2012 - 1076 letture