contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

Gnocchini ed Ippoliti (Udc): 'Equità e trasparenza nel riequilibrio di bilancio'

2' di lettura
702

udc

L'UdC è pronto a fare la propria parte per salvare il capoluogo dal dissesto finanziario, anche sostenendo responsabilmente e nell'interesse della città la politica di fusione e di risanamento delle fondazioni che operano nell'ambito delle produzioni e delle rappresentazioni teatrali.

Tutto ciò dovrà essere subordinato a precise condizioni. Anzitutto non possono essere i cittadini anconetani a pagare tutti i debiti tenuti in questi anni in un cassetto per nascondere le responsabilità di chi ha precedentemente amministrato. Chiediamo che l’aliquota IMU sulla prima casa venga abbassata allo 0,4% . La soluzione sembrerebbe offrirla il governo Monti intenzionato a trasferire ai comuni la parte del gettito IMU gestita dallo Stato (il 50%) ponendo così fine ad un’insostenibile vessazione ai danni delle comunità locali.

Per quanto riguarda il progetto di fusione delle fondazioni, chiediamo che non vi sia alcun colpo di spugna nei confronti di chi ha fatto scelte scellerate all’insaputa del Consiglio comunale. La delibera richiesta dalla Corte dei Conti dovrà perciò contenere un esplicito riferimento ad un’azione risarcitoria e di responsabilità a tutela dell’Amministrazione comunale . I disastri finanziari e gli errori commessi in passato sono stati sempre dal nostro Partito denunciati quali conseguenze di atti illegittimi e di destinazioni poco trasparenti del denaro pubblico che oggi ritroviamo puntualmente stigmatizzate dalla Magistratura contabile.

Quegli atti amministrativi che prevedevano l'accensione di mutui per salvaguardare (con i soldi pubblici) i debiti nella gestione dello Stabile , salvo poi mascherare il tutto quale finanziamento alla produzione, noi le abbiamo sempre denunciate agli organi di controllo. In ultimo e a fugare qualsiasi voce, volutamente messa in giro con intento diffamatorio, su offerte di aziende In cambio di voti, chiediamo che la governance delle partecipate venga affidata a persone di sicuro spessore e comprovata competenza tecnico e amministrativa.



udc

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-10-2012 alle 18:01 sul giornale del 03 ottobre 2012 - 702 letture