contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Falconara: anticipata l’accensione degli impianti termici nel territorio comunale

2' di lettura
1656

riscaldamento

Il Sindaco di Falconara Goffredo Brandoni ha stabilito con propria ordinanza (la n° 164 del 29/10/2012) che venga consentita l'accensione degli impianti di riscaldamento, negli edifici pubblici e privati, sia per i centri abitati che per i singoli immobili, a decorrere dal giorno 30 ottobre (ovvero dalla mezzanotte di oggi lunedì 29 ottobre) sino al 31 ottobre, secondo le seguenti fasce orarie: dalle 6 alle 10 del mattino e dalle 18 alle 21.30.

Nella stessa ordinanza il primo cittadino dispone inoltre che in ogni caso non potrà essere superata, all'interno degli edifici privati, la temperatura massima di 20 gradi centigradi, come stabilito dall’accordo di programma vigente per la limitazione dell’inquinamento dalle polveri sottili.

La decisione va in sostanza ad anticipare il termine stabilito dalla legge per la zona geografica in cui ricade il Comune di Falconara ed è stata assunta in considerazione della sfavorevole situazione climatica attuale, sentite le numerose richieste da parte delle scuole e dei cittadini e soprattutto della previsione che le basse temperature continueranno a permanere nei prossimi giorni.

Preso atto infatti che il Comune di Falconara Marittima rientra nella zona D dove è prevista l’accensione degli impianti termici dal 1° novembre al 15 aprile, per 12 ore giornaliere e considerate le condizioni climatiche particolarmente avverse, la giunta ha considerato opportuno consentire l’anticipo del periodo annuale di attivazione degli impianti termici degli immobili siti nel territorio comunale.

La decisione è stata presa in osservanza delle disposizioni in materia che consentono al Sindaco, su conforme delibera immediatamente esecutiva della Giunta Comunale, di ampliare, a fronte di comprovate esigenze, i periodi annuali di esercizio e la durata giornaliera di attivazione degli impianti termici (che non deve essere superiore alla metà di quella consentita a pieno regime), sia per centri abitati, sia per i singoli immobili.



riscaldamento

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-10-2012 alle 16:24 sul giornale del 30 ottobre 2012 - 1656 letture