contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

Il presidente del Senato Schifani lancia un appello a Di Giacomo: 'Sospenda lo sciopero della fame'

2' di lettura
632

Aldo Di Giacomo, Segretario Sappe Marche

Martedì pomeriggio il presidente del Senato Renato Schifani ha preso l'impegno pubblico per un decreto contro il sovraffollamento delle carceri, che sarà una priorità del prossimo parlamento ed ha lanciato un appello ad Aldo Di Giacomo (Seppe) perché sospenda il suo sciopero della fame e della sete.

"Il Parlamento che verrà eletto il 24 e 25 febbraio prossimi dovrà immediatamente porre all'ordine del giorno il problema delle carceri. In tal senso mi sono già impegnato ad agire, se rieletto parlamentare, e mi adopererò con forza per portare a soluzione la questione del sovraffollamento delle strutture penitenziarie che mortifica il nostro Paese. Per questo la invito a desistere dall'iniziativa che sta conducendo, con giustificata e meritoria passione ma anche con gravi rischi per la sua salute.
Il nostro Paese è stato di recente condannato dalla Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo per il gravissimo sovraffollamento degli istituti penitenziari. Sono convinto che occorra uno scatto di orgoglio, con un approccio di coesione nazionale. Ritengo indispensabile che venga aperto un dialogo e che il Parlamento ascolti tutti gli operatori delle carceri - in primo luogo proprio gli agenti di polizia penitenziaria come lei - che tutti i giorni si confrontano con questa durissima realtà.
Assicuro la mia sincera vicinanza ad Aldo Di Giacomo ma vorrei anche rivolgere un appello, come ho già fatto incontrando Marco Pannella, affinché lo sciopero della fame e della sete venga sospeso in attesa che il nuovo Parlamento sia in grado di riunirsi e operare, dando modo alle persone di buona volontà di agire e di rimediare alle insufficienze della Legislatura che si sta chiudendo
".

Questo il messaggio del presidente Schifani ad Aldo Di Giacomo, esponente del Sappe (Sindacato autonomo di polizia penitenziaria) in sciopero della fame da oltre un mese e dal 9 gennaio anche in sciopero della sete per richiamare l'attenzione del mondo politico sulla situazione delle carceri.



Aldo Di Giacomo, Segretario Sappe Marche

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-01-2013 alle 22:28 sul giornale del 16 gennaio 2013 - 632 letture