contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
Editoriale

Falconara: Oreficini (Lista Monti) si appella alla città 'Due falconaresi in lizza alla Camera. Una occasione'

2' di lettura
2585

Scelta civica

“Per la prima volta nella sua storia, Falconara vanta ben due suoi concittadini candidati alla Camera dei Deputati. L’occasione di avere un filo diretto tra la nostra città e il Governo nazionale a Roma è straordinaria e non va sprecata”.

E’ quanto afferma il candidato alla Camera di Scelta Civica con Monti per l’Italia Roberto Oreficini alla vigilia del voto del 24 – 25 febbraio che continua: “I falconaresi hanno la grande opportunità di poter scegliere come loro rappresentante un falconarese e spero proprio che la colgano per il bene della città. Per quanto mi riguarda sono candidato con Monti perché ho visto in lui il coraggio della verità, la concretezza del suo programma e le liste trasparenti, espressione della società civile marchigiana senza paracadutati. Monti ha rimesso in piedi l’Italia sull’orlo del fallimento, le ha restituito credibilità e ha gettato una solida base su cui costruire un avvenire più sicuro per i nostri figli proprio partendo dalle eccellenze dei nostri territori.

E’ quello di cui anche Falconara, che attraversa una fase congiunturale particolarmente difficile, ha bisogno. La priorità assoluta è sicuramente la salvaguardia dei posti di lavoro. E’ arrivato il momento di diversificare un’economia che negli ultimi decenni aveva il suo punto di riferimento nella raffineria, ma che adesso va coniugata con iniziative sostenibili dal punto di vista ambientale. Le cose sono cambiate, il momento è difficile, ma ci sono nuove strade da esplorare e possiamo inaugurare una nuova stagione di sviluppo e di crescita per tutti. Dobbiamo sfruttare al meglio la promozione del nostro aeroporto da scalo di interesse regionale a scalo di interesse nazionale e valorizzare l’area come polo di servizi e di logistica, in una posizione strategica tra nord e sud delle Marche vicino all’autostrada, alla ferrovia, al porto di Ancona e all’interporto di Jesi.

Altrettanto importante è dare spazio ed incentivi alle nuove idee e ai progetti proposti dai giovani nei settori emergenti della green economy e della blue economy. Terzo settore dunque, ma anche energie rinnovabili, turismo, ambiente, cultura. Infine, ma non ultimo, è necessario rafforzare le politiche di inclusione nei confronti delle numerose e diverse etnie che vivono a Falconara al fine di garantire la coesione sociale e preservare la sicurezza del territorio. La sfida è grande, ma sono convinto che la nostra comunità, così vivace e intraprendente, potrà vincerla se ci impegneremo tutti insieme”.



Scelta civica

Questo è un editoriale pubblicato il 21-02-2013 alle 17:23 sul giornale del 22 febbraio 2013 - 2585 letture