contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Il Sindaco Brandoni replica a Borini: 'Parlare di corretta informazione mi sembra un azzardo'

2' di lettura
1037

goffredo brandoni

Parlare di ‘corretta informazione’ mi sembra un azzardo rispetto alla campagna mediatica condotta da Falconara Bene Comune e Cittadini in Comune. Una corretta (dis)informazione, verrebbe da dire.

Si prende un progetto preliminare, di massima, un’ipotesi, e si dà per acquisito. Si dice “ai consiglieri comunali non è stata data alcuna informativa in merito al rinvio”. È vero. Non sono stati informati perché non c’è stato alcun rinvio rispetto all’iter previsto. Mi chiedo: perché non c’è stato tutto questo clamore quando, con delibera del consiglio comunale n° 74 dell’11/08/2011, è stato adottato l’elaborato planivolumetrico del progetto preliminare nel quale veniva indicata la disposizione degli immobili, i volumi, le altezze e le distanze? Tutto quanto richiesto – Piano Economico Finanziario e progetto definitivo – saranno puntualmente e dettagliatamente illustrati nelle Commissioni Consiliari preposte prima di approdare in consiglio comunale. La cittadinanza sarà informata. Al termine dell’incontro dell’8 febbraio non sono uscito affatto frastornato.

Quanto successo era previsto dal sottoscritto e dagli altri componenti della giunta. Sapevamo già che avrebbero preso la parola solo gli addetti ai lavori della politica cittadina, lasciando esterrefatti i “cittadini veri” presenti all’assemblea che sono stati intimoriti dalla veemenza e dalla cattiveria di alcuni interventi. Polemiche strumentali. Un esempio lampante di ciò che dico è stato dato anche alle assemblee sull’istallazione delle fontane pubbliche: i nostri avversari politici le hanno criticate in ogni modo, nonostante nei Comuni limitrofi i loro stessi partiti sono favorevoli e addirittura un autorevole rappresentante della sinistra anconetana, l’on. Eugenio Duca, ha sollecitato lo stesso progetto per il capoluogo dorico.

Tornando all’assemblea, i favorevoli al parcheggio visto il clima aggressivo che si è instaurato (non da parte di Borini e i suoi, gliene do atto) da alcune claque organizzate, hanno deciso, salvo pochi esempi, di non esporre le proprie idee. Concludo con un’ultima considerazione. Non è la prima volta che il candidato Borini usa termini impropri e poco istituzionali, per nulla adatti a chi si candida a diventare Sindaco. Fin dal primo giorno ho fatto della trasparenza e dell’onestà i punti cardine del mio modo di governare. Mi auguro che Borini in futuro sia più cauto rispetto a certe dichiarazioni quali “affare privato”.



goffredo brandoni

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-02-2013 alle 19:38 sul giornale del 23 febbraio 2013 - 1037 letture