contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Casali (confindustria Ancona): progetto SAN, 'Innovazione non con le parole'

3' di lettura
879

Un pomeriggio fuori dal comune per i soci di Confindustria Ancona. Svolto all'UCI Cinemas, ovvero all’interno di una sala cinematografica la quarta fase del progetto SAN (Strumenti, Audit e Network), ambizioso percorso sul tema dell’innovazione pensato da Confindustria Ancona a supporto delle piccole e medie aziende.

“Un progetto che nasce da lontano - ha affermato Giuseppe Casali, presidente di Confindustria Ancona - e che ci ha portato a esplorare il tema dell’innovazione non con le parole, ma concretamente, andando a toccare con mano cosa sta succedendo nel mondo. Oggi siamo al giro di boa, al punto in cui è necessario fare un bilancio e tirare le somme sullo stato dell’innovazione nella nostra provincia. Siamo consapevoli che la situazione attuale è difficile, ma siamo altrettanto convinti che proprio in questi momenti sia necessario investire sul futuro, alzare lo sguardo, cercare di capire dove sta andando il mondo e quali sono le tendenze in atto, per essere preparati ad agganciare la ripresa”.

Il pomeriggio si aprirà con l’intervento del Presidente Casali a cui seguirà la proiezione del film “Quattro passi tra le nuvole”: realizzato da Vito Di Bari, il film ripercorre le tappe del progetto partito a luglio 2012, utilizzando immagini, interviste, testimonianze di imprenditori internazionali, riportando le opinioni degli imprenditori locali che hanno partecipato alle diverse fasi, ma non solo. Il film esplora le innovazione più interessanti che ci sono oggi nel mondo, le novità tecnologiche e le tendenze che stano influenzando i mercati. Una vera e propria finestra sul futuro. “Questa crisi è molto più coriacea di quanto pensassimo – ha affermato Vito Di Bari – e forse l’abbiamo sottovalutata. E’ non solo molto più lunga del previsto, ma si sta dimostrando strutturale e non temporanea. Sono convinto che da questa crisi si esca un passo alla volta. Noi ad Ancona abbiamo provato a mettere giù una scaletta di azioni da intraprendere, per diventare più competitivi nel momento della ripresa: questo è un passo in avanti. Non abbiamo certo la pretesa che possa risolvere la crisi, ma di una cosa siamo certi: oggi gli industriali di Ancona sono un passo avanti rispetto al resto d’Italia”.

“Tutto il territorio provinciale, la regione, la nazione e l’Europa intera sono in un momento che definire complicato sembra un eufemismo – ha concluso Casali. Negli ultimi anni nella sola provincia di Ancona la produttività è scesa del 12.5% e il carico fiscale che tutte le imprese continuano a pagare non è sceso, anzi, è aumentato. Le ore di cassa integrazione sono passate dai 2 milioni del 2007 ai 38 milioni del 2012. La stretta creditizia si fa sempre più pressante e letteralmente riduce sul lastrico centinaia di imprese”. Il messaggio finale è comunque uno sprone ad andare avanti, a continuare a cercare sempre nuove strade per osare, per investire e per guardare con lucidità al futuro “Perché noi abbiamo il coraggio di intraprendere percorsi difficili e sfidanti quando tutti gli altri si lamentano senza neanche sforzarsi di trovare vie d’uscita”.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-03-2013 alle 00:40 sul giornale del 25 marzo 2013 - 879 letture