contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Camerata Picena: la lista civica preoccupata per il fallimento di Sic1 ed il silenzio delle amministrazioni

2' di lettura
1814

Il Paese che vorrei
Prima indiscrezioni, poi articoli di stampa, infine ammissioni dirette da parte dell’attuale presidente, il chiaravallese Claudio Bolletta, quantificavano il deficit di bilancio della SIC 1, (la società a totale capitale pubblico creata dal Comune di Chiaravalle per lo svolgimento “in house” di attività nei settori dell’informatizzazione e della green economy) e oggi compartecipata da numerosi enti locali della provincia di Ancona e della Regione, in almeno 5 milioni di euro.

Il Comune di Camerata Picena è tra gli enti proprietari e detiene circa l’1% del capitale per questo proprio ieri il consigliere della Lista civica “Il paese che vorrei” ha presentato una specifica interrogazione.

Obiettivo era quello di conoscere nel dettaglio l’attuale ed effettiva situazione economico - finanziaria dell’azienda, le cause che hanno determinato la situazione deficitaria e, soprattutto, se possa sussistere il rischio che gli enti locali soci possano essere chiamati a rispondere in solido in caso di “default” della società.

Mai interrogazione è stata più tempestiva! Proprio oggi abbiamo appreso che il Tribunale di Ancona ha rigettato la richiesta di concordato preventivo, il che significa, con ogni probabilità, l’inizio della procedura fallimentare o, in alternativa, considerate la caratteristiche della società, partecipata dal pubblico, la sua liquidazione coatta.

Ora il rischio di un coinvolgimento diretto dei soci e quindi dei comuni che detengono quote del patrimonio diviene ancora più evidente.

Si vocifera che il deficit derivi sostanzialmente da scelte operate dalla società e dai suoi amministratori quando il capitale era in gran parte nelle mani del comune di Chiaravalle. In questo quadro è particolarmente assordante il silenzio da quell’amministrazione, silenzio che ad oggi, purtroppo coinvolge anche le opposizioni in quel consiglio comunale.

Auspichiamo che il Sindaco di Camerata rispondendo alla nostra interrogazione stralci il velo di omertà che sembra circondare la vicenda, dando un contributo di chiarezza di cui c’è evidente e urgente bisogno.



Il Paese che vorrei

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-07-2013 alle 16:10 sul giornale del 06 luglio 2013 - 1814 letture