Multiservizi, Melappioni (PRC): 'Fusione frettolosa ed opaca. Temiamo per i lavoratori e tariffe!'

partito comunista 2' di lettura Ancona 23/12/2013 - La richiesta di deliberare, attraverso un atto d’indirizzo, la natura e la composizione organica di un’azienda quale MULTISERVIZI, che ha o dovrebbe avere come mission la gestione pubblica e per tutti dei servizi, è un atto delicatissimo che non può prescindere da un percorso partecipato tra i cittadini e, attraverso un esame non affrettato delle soluzioni che la nuova normativa, (che per altro gli enti locali avrebbero dovuto contrastare con maggiore determinazione) impone.

Infatti se è vero che la gestione delle reti del gas dovrà essere, ahinoi, messa a gara e che potrebbe essere necessario un rafforzamento per aumentare la massa critica per questa triste competizione è allora ancor più necessario capire quali garanzie ci saranno per i lavoratori della società, o della nuova società, quali quelle per gli utenti, quali strumenti di controllo e di indirizzo potranno avere gli enti locali e soprattutto i cittadini.

Solo dopo questo percorso, solo nella trasparenza potranno essere adottate scelte ponderate, e forse migliori di un’ affrettata approvazione prenatalizia che di fatto allontana il Comune e i cittadini dalla potestà delle decisioni che invece sono e debbono rimanere a loro. Per questo, pur non potendo partecipare al voto, voglio, con questa dichiarazione esprimere il mio dissenso su questa scelta. Nella seduta del consiglio comunale di Monsano di venerdì 20 ho ritenuto di esprimere con questa dichiarazione la preoccupazione mia e del mio partito, il PRC, su una scelta, quella di procedere ad una fusione con altre società e di conseguenza alla modifica della natura e della finalità di MULTISERVIZI, realizzata, in modo frettoloso, opaco, senza alcuna informazione ai cittadini, senza una seria discussione, e che rappresenta una cessione di sovranità dei consigli comunali e mette ancor più in pericolo il ruolo del pubblico nella gestione dei servizi ai cittadini.

Temiamo, per i lavoratori, temiamo per le tariffe, temiamo per la qualità dei servizi. Avremmo voluto discutere e capire, avremmo voluto che la città avesse "scienza e conoscenza" per contribuire a salvaguardare quelli che sono, anch’essi, beni comuni. Tutto questo confligge con il percorso politico e amministrativo che fin qui la maggioranza e la giunta a Monsano hanno concretamente costruito, fatto di attenzione ai beni comuni e al ruolo del pubblico nei servizi, fatto di paziente costruzione della partecipazione, vorremo considerarlo un incidente di percorso che proveremo a correggerlo.

Marina Melappioni - Vice sindaco e assessore al bilancio del Comune di Monsano



da Marina Melappioni
Vice Sindaco di Monsano
e componente del Direttivo Circolo PRC di Chiaravalle




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-12-2013 alle 19:27 sul giornale del 24 dicembre 2013 - 1648 letture

In questo articolo si parla di attualità, multiservizi, partito comunista, Marina Melappioni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Wsb





logoEV
logoEV