Montemarciano: Serrani sull'Ex Montedison, 'Percorso comune con gli amministratori di Falconara'

ex Montedison Falconara 3' di lettura Ancona 01/03/2014 - Non finiscono di stupirci le affermazioni sempre più fantasiose del consigliere Becci, che calatosi in una campagna elettorale carica di effetti speciali che farebbe invidia anche al Presidente Silvio Berlusconi, arriva a negare pure l’evidenza dei fatti accaduti.

Sul progetto Montedison questa amministrazione si è interfacciata fin dall’inizio con gli amministratori del contiguo Comune di Falconara, decidendo di portare avanti un percorso comune: entrambe le amministrazioni ne diedero un parere positivo di massima riservandosi di richiedere tutti gli approfondimenti e chiarimenti del caso; questo è apparso su tutta la stampa già da fine estate.

Il progetto prevede la bonifica dell’area, la sistemazione della spiaggia retrostante con collegamento alla nostra, una viabilità alternativa a via Roma che dal casello autostradale taglia a destra l’abitato di Marina e ne ridurrebbe di conseguenza il traffico all’interno; la risoluzione del problema dei “residenti” abusivi che si sono insediati nell’area e che creano problemi di microcriminalità nei territori limitrofi. Poi anche dal punto di vista architettonico, concordato con la Sovrintendenza, i volumi da ricostruire sono molto gradevoli e richiamano un po’ le strutture vuote e lineari alla Renzo Piano. Molte le aree verdi e a parcheggio che sostituiscono interamente tutto il residenziale a ridosso di Marina del progetto precedente. Quindi tutto quello che ad ora c’è sulla carta non può che essere positivo. Poi di qui a capire bene quanto si andrà a sottoscrivere e che reciproci impegni ci saranno tra le parti è una storia ancora tutta da scrivere e lì sarà da tenere massima l’attenzione.

Quando un paio di mesi più tardi l’azienda che segue la progettazione ci ha materialmente presentato al protocollo gli elaborati questi sono stati assegnati in visione ai nostri uffici urbanistica e lavori pubblici proprio perché, da addetti ai lavori, ne evidenziassero a noi amministratori, le criticità e le potenzialità. Avuto questo abbiamo immediatamente convocato una commissione consiliare aperta ovviamente a maggioranza e minoranza, alla quale il consigliere Becci si è guardato bene dal partecipare, dove l’architetto Belogi ha illustrato il progetto con tutti i dati che si avevano a disposizione ed ha risposto a tutte le domande e chiarimenti formulate dai consiglieri presenti. Stesso iter ha visto il progetto all’interno della seduta del Consiglio Comunale del 7 febbraio 2014 in cui sono stati proiettate e spiegate le schede progettuali.

Fatto il passaggio di Consiglio, come già preannunciato in alcuni incontri, avevamo in animo di far conoscere il progetto anche ai cittadini in un’assemblea pubblica alla presenza dei progettisti.

Piccolo dettaglio: alla seduta consiliare del 7 il consigliere Becci se ne andava dopo il punto in cui si adottava la Variante della Parrocchia di Marina, senza nemmeno attendere la presentazione del punto successivo sulla Montedison…. Forse perché non c’era il giornalista che lo filma per poi metterlo su you tube!






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-03-2014 alle 10:40 sul giornale del 03 marzo 2014 - 3833 letture

In questo articolo si parla di montemarciano, falconara, politica, Comune di Montemarciano, liana serrani, ex montedison

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ZgS


Giuseppe Bottazzi

01 marzo, 15:40
Commento sconsigliato, leggilo comunque




logoEV