contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CULTURA
comunicato stampa

Luoghi comuni e vicenda carceraria di Gramsci. Un libro dell'anconetano Ruggero Giacomini

2' di lettura
1452

antonio gramsci

Un nuovo libro dello storico anconetano Ruggero Giacomini fa giustizia di tanti luoghi comuni sulla vicenda carceraria di Gramsci.

E’ appena uscito presso l’editore Castelvecchi l’ultimo libro dello storico anconetano Ruggero Giacomini: Il giudice e il prigioniero/ Il carcere di Antonio Gramsci. Con fonti inedite e verifica dell’ampia bibliografia, l’autore ricostruisce in uno stile scorrevole ed efficace la vicenda carceraria di Gramsci e i suoi rapporti con il mondo esterno e il partito comunista, facendo giustizia di tanti luoghi comuni. Giacomini rovescia il detto secondo cui se ci si indica la luna è sciocco guardare il dito, mostrando come nel caso specifico di Gramsci è proprio nella direzione del dito e del suo proprietario che bisogna guardare se si vuole conoscere la verità. Cioè a dire verso quel giudice istruttore Macis sardo che nel consegnargli la lettera di Grieco giunta da Mosca gliene offrì la chiave interpretativa: «Onorevole Gramsci, lei ha degli amici che certamente desiderano che lei rimanga un pezzo in galera».

Insinuando che ci fosse stato un tradimento dei suoi compagni contro di lui. Giacomini ricostruendo per la prima volta la biografia del giudice Macis e il suo ruolo effettivo nel sistema di potere fascista, dimostra che quel giudizio non era affatto disinteressato e obbiettivo, ma parte di una strategia rivolta con modi e mezzi molteplici a ottenere la capitolazione del capo del partito comunista, spingendolo a chiedere la grazia. Nel quadro delle provocazioni e vere e proprie torture messe in atto contro il prigioniero rientra anche l’azione sciagurata del “sedicente Dante Romani”, originario di Ancona, incontrato da Gramsci in carcere e di cui pure è restituito per la prima volta il profilo biografico.

Giacomini, che è stato allievo e a lungo collaboratore di Enzo Santarelli, è noto per i suoi studi sulla Resistenza e i Movimenti della Pace. Su Gramsci ha pubblicato numerosi saggi, ha curato assieme a Domenico Losurdo e Michele Martelli il volume Gramsci e l’Italia (Istituto per gli studi filosofici, 1994) e realizzato una biografia (Antonio Gramsci, Teti 1997), tradotta in spagnolo dal Centro Juan Marinello (L’Havana 2001).



antonio gramsci

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-05-2014 alle 19:59 sul giornale del 07 maggio 2014 - 1452 letture