Falconara: vicenda Astolfi. Borini: "Il Sindaco di Falconara Marittima si limita al cartellino giallo"

Riccardo Borini 3' di lettura 30/09/2014 - “…gli ho detto che ha sbagliato non deve succedere più“: questa è la frase più sensata pronunciata dal Sindaco di Falconara Marittima sulle parole contrarie alla Costituzione italiana scritte dal suo Assessore Matteo Astolfi!

Non è la prima volta che Astolfi ha un atteggiamento “esuberante” e provocatorio. Questa volta è andato “oltre il seminato”. La maggioranza che lo ha difeso a spada tratta ha guardato più al colore della casacca di Astolfi che a quello che è oggettivamente successo. E’ come se davanti ad un partita di calcio si discute di un fallo in piena area di rigore e dopo avere visto la moviola che lo documenta inequivocabilmente, si continua a dire che non c’era o non era grave o non era intenzionale. Ma a questo punto la cosa ancora più grave delle espressioni usate dall’Astolfi sul social network è l’epilogo della vicenda.

La replica che l’Assessore ha consegnato alla Stampa e che ieri ha letto in Consiglio comunale non tenendo conto di tutti gli interventi che si erano succeduti peggiora la situazione perché: non ammette di avere sbagliato; non ritira lafrase scritta; non comprende o non vuole comprendere la gravità della farse pronunciata (che è contro la costituzione -art54- e la normativa vigente in Italia, fomenta violenza e la giustizia “fai da te” e getta discredito sulle Forze dell’ordine); Scarica tutto sull’atteggiamento politico della minoranza; Parla fuori luogo di buonismo e perbenismo di chi ha segnalato il fatto; Non aggiunge altro rispetto alla sicurezza urbana se non che è stato fatto il massimo (a noi non risulta) con una affermazione non suffragata da dati e da obiettivi raggiunti dall’Amministrazione comunale

Nega o non conosce le proposte avanzate dalle forze di minoranza nell’ultimo anno (anche nell’ultima commissione sicurezza le liste FGBC e CIC hanno consegnato un documento di 2 cartelle piene di proposte sulla sicurezza urbana) Ciò che ha scritto e auspicato l’Assessore Astolfi avrebbe richiesto un atto di responsabilità da una persona che ricopre una carica istituzionale, un passo indietro che dimostrasse di avere il “senso delle istituzioni” come ci ricorda sempre il Sindaco Brandoni.

Ma questo non è avvenuto. Usando una metafora sportiva: il fallo c’è stato, eccome! L’arbitro (il Sindaco) ha avuto paura e timidamente ha tirato fuori il cartellino giallo, cercando di convincere se stesso e gli altri che non poteva tirare fuori il cartellino rosso. Ha scelto di coprire l’accaduto arrampicandosi sugli specchi per giustificare il tutto. Ma c’è un particolare: non siamo in un campo di calcio, ma in un Comune della Repubblica Italiana in cui il regolamento è la Costituzione! Quindi non ci resta che, insieme alle altre forze di opposizione, segnalare la vicenda al Prefetto perché prenda i provvedimenti che ritiene più opportuni


da Riccardo Borini
    Consigliere comunale CiC e FBC





Questo è un articolo pubblicato il 30-09-2014 alle 13:09 sul giornale del 01 ottobre 2014 - 1732 letture

In questo articolo si parla di cronaca, falconara marittima, riccardo borini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/0od





logoEV
logoEV