Progettare oggi l’Ancona di domani. Confartigianato chiede un tavolo permanente

Valeria Mancinelli ed Ida Simonella 2' di lettura Ancona 05/10/2014 - Le priorità secondo Confartigianato: tagli alle spese di bilancio, restyling contro il degrado urbano, un cartello di eventi per il centro. "Assessore Simonella un ottimo interlocutore".

Benissimo progettare la città di Ancona del futuro, ma non dobbiamo dimenticare la situazione presente. Il capoluogo dorico a oggi necessita di tanti interventi. Le imprese sono disponibili a collaborare in questo percorso purché siano ascoltate. Questo il sentimento espresso dagli imprenditori anconetani in occasione del Comitato Comunale della Confartigianato.

Ospite dell’incontro l’assessore al Porto e al Piano Strategico Ida Simonella che ha presentato agli imprenditori una relazione sulle strategie di sviluppo per la città dorica, dedicando un approfondimento particolare al waterfront e alla uscita a ovest. Pianificare il futuro di Ancona è fondamentale e apprezziamo il risultato dell’incontro, nel corso del quale abbiamo trovato nell’assessore Simonella un ottimo interlocutore – dichiara Paolo Longhi Presidente comunale Confartigianato Ancona. Vogliamo però aggiungere che altrettanto importante è il presente di Ancona. Per questo è opportuno che si intervenga in più direzioni. Il centro necessita di interventi di riqualificazione dell’arredo urbano così come le strade di opere di manutenzione. In materia di decoro, va risolta la questione della gestione dei rifiuti dove le imprese non trovano in Anconambiente un interlocutore con cui confrontarsi. Degrado e buche non sono più ammissibili.

A completamento del quadro, si deve procedere di pari passo con campagne di comunicazione coordinate al fine di valorizzare il nostro capoluogo e promuoverne l’immagine così come l’attrattività. Noi imprenditori siamo pronti a collaborare con il Comune in questo percorso di crescita – continua Longhi della Confartigianato – A tal fine riteniamo opportuno riannodare le fila del dialogo e, per potenziare i rapporti in essere, auspichiamo la possibilità che si affianchi al primo cittadino che conserva la delega al Commercio una ulteriore figura di riferimento per le categorie produttive. Chiediamo infine l’istituzione di un tavolo permanente su temi fondamentali quali il bilancio, la razionalizzazione delle spese, gli interventi per lo sviluppo, per guardare insieme al domani, risolvendo oggi i problemi pressanti della città.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-10-2014 alle 17:11 sul giornale del 06 ottobre 2014 - 1005 letture

In questo articolo si parla di attualità, confartigianato

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/0CD





logoEV
logoEV