'Giornata Nazionale Vittime di Incidenti sul Lavoro'. 12 attobre, appuntamento ad Ancona

morti bianche 2' di lettura Ancona 07/10/2014 - Anche quest’anno l’ANMIL celebrerà in tutte le province d’Italia, attraverso le proprie sedi, la 64a Giornata Nazionale per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro - istituzionalizzata nel ’98 con Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri su richiesta dell’Associazione - sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica, e a Firenze si terrà la manifestazione principale.

L’appuntamento con tutto il nostro territorio è per Domenica 12 ottobre alle ore 8.30 in Piazza Cavour, con il seguente programma: ore 9.00 Santa Messa nella Chiesa SS. Cosma e Damiano; ore 9.45 corteo accompagnato dalla Banda Musicale a raggiungere la sala del Comune in Piazza XXIV Maggio per la deposizione della corona di allora sulle Lapidi dedicata alle Vittime del Lavoro; ore 10.15 Cerimonia civile presso l’ex Sala Consiliare di Ancona (Piazza XXIV Maggio) alla quale parteciperanno le seguenti autorità: il Sindaco del Comune di Ancona Valeria MANCINELLI; la Senatrice Della Repubblica Silvana AMATI; l’Assessore Lavoro Regione Marche Marco LUCHETTI; il Direttore dell’INAIL Sede di Ancona Giuseppe Maria MARIOTTI; per l’ANMIL saranno invece presenti il Presidente Regionale ANMIL Marche Ernesto STRAPPELLI e la Presidente ANMIL Ancona Graziella NORI. Alla celebrazione nazionale di Ancona, ad oggi, hanno confermato la presenza: il Sindaco del Comune di Fabriano GIANCARLO SAGRAMOLA; il Presidente del Consiglio Comunale di Jesi Avv. DANIELE MASSACCESI; il Sindaco del Comune di Castelplanio BARBARA ROMUALDI; il Vice Sindaco del Comune di Mergo MARCO BURATTINI; l’Assessore alle Politiche Sociali e Sanità Comune di Castelfidardo Riccardo Memè; il Colonnello dell’esercito LUCARELLI GIUSEPPE; il Comandante Regionale Corpo Forestale dello Stato Gagliardi Cinzia; il Responsabile Centro per l’Impiego di Ancona dott. LORENZO BARUCCA.

In ogni celebrazione di questa giornata ci si ritroverà per confrontarsi sulle realtà socio-economiche del nostro Paese e sulla tutela che deve essere garantita alle vittime del lavoro per una più equa e adeguata assistenza - ancor oggi legata ad una normativa obsoleta che risale al Testo Unico Infortuni del 1965 e che andrebbe completamente rivista - e verrà inoltre affrontato, sia a livello nazionale che a livello locale, anche il tema della sicurezza e le iniziative più efficaci in materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro.

Secondo l’ultimo Rapporto annuale 2013 reso noto dall’INAIL, c’è stato un calo complessivo di circa 50mila infortuni (pari a -6%) passando da circa 745.000 casi denunciati nel 2012 a 695.000 nel 2013. Mentre un dato che preoccupa particolarmente è la crescita delle malattie professionali aumentate di ben 5.500 unità, passando dalle 46.300 patologie denunciate nel 2012 alle 51.800 nel 2013 (+11,9%). Per maggiori informazioni: www.anmil.it






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-10-2014 alle 18:00 sul giornale del 08 ottobre 2014 - 1475 letture

In questo articolo si parla di attualità, Anmil, Associazione nazionale Mutilati e Invalidi del lavoro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/0Ju





logoEV
logoEV