contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

Ricerca idrocarburi in Adriatico. Verdi: "La Regione impugnerà lo 'Sblocca Italia' alla Corte Costituzionale"

2' di lettura
703

Adriano Cardogna

Il Consiglio regionale delle Marche ha deciso: lo “Sblocca Italia” è incostituzionale per quanto riguarda la ricerca degli idrocarburi in Adriatico e per questi motivi ha chiesto alla Giunta regionale di avviare il ricorso innanzi alla Corte Costituzionale.

Il Decreto del Governo, infatti, ignora le competenze che la Costituzione attribuisce alle Regioni escludendo le Marche e tutti i Comuni costieri da ogni decisione sulle trivellazioni nei rispettivi ambiti territoriali.

Una battaglia che vede impegnata la Regione nella difesa del suo mare”. Ha detto Adriano Cardogna, Consigliere regionale dei Verdi, che sull’argomento ha presentato la mozione, approvata dal Consiglio regionale di ieri (16 dicembre). Un percorso che vedrà le Marche presentare il ricorso costituzionale per gli articoli 37 e 38 del decreto 133 del 2014 che prevedono il potenziamento delle “attività di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi” liquidi e gassosi in terraferma (onshore) e in mare (offshore) e delle conseguenti attività di “stoccaggio sotterraneo di gas naturale”.

Respingiamo con fermezza – ha detto Cardogna – quanto stabilito dal Governo nazionale che vuole rendere preda il nostro mare e il nostro territorio di società d’affari che non portano economia alla nostra regione ma solo distruzione delle nostre bellezze naturali che sono fonte di salute per la comunità regionale e di un vero modello di sviluppo sostenibile dove ambiente e turismo sono pilastri dell'economia regionale.

Nella mozione approvata dal Consiglio si chiede inoltre di portare all’attenzione del Governo centrale il tema della definizione, da parte dell’Unione Europea, di un quadro normativo certo che abbia come punto di riferimento imprescindibile la tutela e la salvaguardia dei territori. Con questo atto la Marche, che ricoprono un ruolo determinante in seno alla Macro Regione Adriatico – ionica, si pongono accanto alle altre Regioni italiane che hanno già avviato il ricorso costituzionale e esprimono con forza la propria contrarietà alla ricerca e coltivazione degli idrocarburi nel mare Adriatico.



Adriano Cardogna

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-12-2014 alle 00:44 sul giornale del 18 dicembre 2014 - 703 letture